HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Omicidi in FamigliaLitigano per il pranzo, lei lo uccide con una katana: “Lo amavo ancora”

Litigano per il pranzo, lei lo uccide con una katana: “Lo amavo ancora”

di

katana2Valentina Aguzzi, 44 anni, ha ucciso il compagno, il 40enne Mauro Sorboli, dopo l’ennesima lite. La tragedia si è consumata nel loro appartamento, situato in una zona di Milano, lo scorso sabato pomeriggio

Ha staccato la katana che aveva appeso ad un muro della camera da letto ed ha minacciato il compagno di uccidersi: “Adesso mi taglio, mi ammazzo, vuoi vedere?”. L’uomo, ignaro di ciò che a breve sarebbe successo, ha invece invitato la donna, tra parolacce ed altri insulti, a fargli vedere quanto fosse capace di fare ciò che aveva appena detto: “Fammi vedere se sei capace. Fai come vuoi, chi se ne frega, muori”.

Quelle frasi hanno scatenato la furia di Valentina Aguzzi che, con quella katana che aveva tra le mani, ha colpito Mauro Sorboli appena sopra il ginocchio. Un taglio netto e fatale che è costato la vita all’uomo: l’arma ha infatti reciso l’arteria femorale e, dopo che l’uomo ha estratto la lama dalla gamba, ha iniziato a perdere troppo sangue, fino ad arrivare alla morte. Inutili sono stati i soccorsi, all’arrivo del 118 infatti, i medici non hanno potuto fare altro che dichiarare il decesso della vittima.

Una tragedia consumata perchè quella mattina lui aveva pensato a preparare il pranzo senza pensare alla compagna, che aveva dormito fino alle 14. “Egoista”, lo aveva definito Valentina, frustata dal comportamento indifferente del suo compagno: “Se vuoi mangiare arrangiati, c’è qualcosa in frigo”. Da lì insulti, parole pesanti, minacce e poi il delitto.

Valentina, mamma di due bambine nate dal precedente matrimonio, è accusata di omicidio volontario, ma se durante le indagini venisse accertata che non c’era alcuna intenzione da parte della donna di uccidere, quest’ultima potrebbe essere accusata di omicidio preterintenzionale. L’interrogatorio della donna, trasformatasi in un secondo in un samurai, si terrà nelle prossime ore.

Al momento Valentina si limita a dire che mai e poi mai avrebbe voluto uccidere il compagno: “Non volevo, davvero non volevo, io lo amavo ancora”.

Lascia un commento

Back to Top