HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoNewsLondra, trovato cadavere in un canale: si tratta di un italiano

Londra, trovato cadavere in un canale: si tratta di un italiano

di

Sebastiano MagnaniniIl 24 settembre nel Regent’s Canal di Londra è stato trovato da un passante un cadavere parzialmente decomposto. Dopo giorni di indagini gli esperti hanno scoperto la sua identità: si tratta di 46enne veneziano Sebastiano Magnanini

Quel cadavere in fase di decomposizione legato in un carrello della spesa trovato nelle acque del Regent’s Canal di Londra appartiene a Sebastiano Magnanini. Quest’ultimo, dopo aver viaggiato tra la Colombia, Thailandia e Cambogia, si era trasferito a Londra da qualche mese dove purtroppo ha trovato la morte.

“Abbiamo bisogno di identificare questo uomo in modo che possiamo metterci in contatto con la sua famiglia e cominciare a capire che cosa sia successo. Chiunque riconosca la descrizione fornita o abbia visto quest’uomo nell’area di Muriel Street e Regent’s Canal per favore si metta in contatto con noi”. Secondo quanto pubblicato da Leggo.it, è proprio dopo questo appello lanciato dalle autorità locali che grazie alle impronte digitali e ai tatuaggi rinvenuti sul cadavere gli esperti sono riusciti a scoprire la sua identità.

Secondo le prime ipotesi investigative, si tratterebbe senza alcun dubbio di un omicidio. L’uomo sarebbe stato ucciso e poi gettato nel canale ma a dare conferme sulle cause della morte sarà soltanto l’autopsia con la quale si potrà stabilire con certezza anche il periodo del decesso.

Perché legare Sebastiano Magnanini ad un carrello? La risposta è semplice: i suoi assassini, o il suo assassino, speravano che il pesante oggetto fungesse da piombo per evitare di far riaffiorare dalle acque quel corpo ormai privo di vita.

Per il momento il movente del presunto omicidio resta ancora un mistero ma, dato che ogni pista è da considerarsi valida, gli investigatori non escludono che il delitto possa essersi consumato per cause legate al mondo della droga poiché la vittima in passato pare avesse avuto problemi con l’uso di stupefacenti.

Intanto da Londra le indagini continuano nella speranza che si facciano vivi eventuali testimoni.

Lascia un commento

Back to Top