HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiDossierMapsCaso Loris Stival: cronologia e tappe della vicenda
Loris Andrea Stival

Caso Loris Stival: cronologia e tappe della vicenda

di

ultimo aggiornamento 20/12/2014

andrea-loris-e-la-mamma-1728x800_c
Scheda

Luogo: Santa Croce Camerina (Ragusa), Italia
Data: 29/11/2014 data della sparizione in serata il ritrovamento del cadavere
Luogo della Scomparsa: la madre Veronica Panarello sostenne di averlo lasciato a 100metri dall’ingresso della scuola
Luogo del Ritrovamento: in un canale di scolo vicino al Mulino Vecchio a Santa Croce Camerina (Ragusa), circa 5 km da casa Stival
Vittima: Andrea Lorys Stival (8 anni)
Arma del delitto: Strangolamento con fascette da elettricista
Sospetto: Veronica Panarello (madre della vittima)
Stato dell’Indagine: Arresto in carcere per Veronica Panarello, in attesa della decisione del GIP per la richiesta di rinvio a giudizio

Vicenda

La mattina del 29 novembre 2014 una donna Veronica Panarello lancia l’allarme per la scomparsa di suo figlio, si chiama Loris Stival e siamo nel piccolo paesino di Santa Croce Camerina in provincia di Ragusa. La donna dice di averlo portato a scuola, ma le maestre gli dicono che Loris in classe non è mai arrivato. Carabinieri, forze dell’ordine e comuni cittadini si impegnano nella ricerca. Nel tardo pomeriggio il tragico ritrovamento del cadavere del piccolo, il corpo è in un canale di scolo di un vecchio mulino abbandonato, a circa 3 chilometri da Santa Croce Camerina. A rinvenire il corpo è un cacciatore, Orazio Fidone. Appresa la notizia la madre, Veronica Panarello resta sotto choc. Le primissime indagini cercano di ricostruire il ‘buco’ di quattro ore, dalle 08.30 alle 12.30, della mattina. È un vero giallo.

Dai rilievi autoptici si scopre che il bambino è stato ucciso cosi il 30 novembre 2014 la Procura di Ragusa apre cosi un fascicolo per omicidio volontario in serata la polizia sequestra l’auto del cacciatore Orazio Fidone perché dicono “tutta l’area del ritrovamento è sotto sequestro”.

Orazio Fidone viene anche interrogato come persona informata sui fatti, all’uscita dalla questura dichiara: “Sono sereno, ho chiarito tutto e non sono indagato”. Le indagini si spostano alla ricerca dei video di sorveglianza di negozi, scuola e banche, per cercare di capire se in qualche fotogramma si vede Loris Stival. La famiglia resta chiusa nel suo dolore, Veronica Panarello trascorre la notte dopo il macabro ritrovamento nell’obitorio dell’ospedale di Ragusa in preda a crisi di pianto. Tutta la comunità di santa Croce Camerina scende in piazza per una fiaccolata ed una veglia.
E’ il 1 dicembre del 2014 quando arrivano le prime risposte da parte dell’autopsia.

Loris Stival è stato strangolato ma non ci sono i segni di violenza sessuale. Sono questi i punti dai quali partire per scoprire chi ha ucciso il piccolo Loris. Il bambino è morto per una asfissia da strangolamento, solo successivamente è stato traportato e buttato nel canaletto di scolo dove è stato ritrovato il suo corpo. Nessun segno di violenza sessuale, ma gli inquirenti seguono anche la pista del pedofilo. Gli inquirenti scandagliano la vita privata del bambino e scoprono che Loris era un bimbo molto introverso, i sospetti si allargano su chi lo conosceva.

La Procura decide il 2 dicembre 2014 di indagare Orazio Fidone. Le indagini condotte aprono terribili scenari e molti sospetti si annidano nella famiglia Stival. Non c’è infatti nessun fotogramma che inquadra Loris nelle immagini delle telecamere di sicurezza. Gli inquirenti hanno ancora moltissimo materiale da visionare e convocano la mamma di Loris per sentirla nuovamente come persona informata sui fatti soprattutto per far luce su alcuni aspetti di quella mattina e alcune incongruenze nel suo racconto.

Un ritrovamento shock apre nuovi terribili dubbi, nei pressi della scuola viene rinvenuto un paio di mutandine blu: subito si pensa che si trattino della biancheria intima di Loris Stiva, infatti il cadavere era sprovvisto di slip. Gli avvocati di Orazio Fidone fanno sapere che il loro assistito è stato iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di sequestro e omicidio ma sembra essere un atto dovuto per consentire di fare alcuni accertamenti irripetibili sulla sua auto e sui suoi vestiti. Vengono chiamati anche i ROS, gli stessi del casi di Yara Gambirasio, per alcune repertazioni.

Fonte Tgcom

Fonte Tgcom

Nei video esaminati dagli inquirenti c’è ne uno che smentisce categoricamente il racconto della madre Veronica Panarello. La mattina di sabato 29 novembre 2014 Loris non è mai arrivato a scuola, come ha sempre sostenuto la madre, ma si vedrebbe mentre rientra a casa.

Le immagini, registrate da una telecamere di sorveglianza posta a 50m da casa Stival, confermano quindi i sospetti degli inquirenti che ora vogliono capire perché Veronica Panarello ha dato una falsa versione dei fatti accaduti. Nel tardo pomeriggio a casa Stival arrivano poliziotti e carabinieri per effettuare dei rilievi in casa.

Il 4 dicembre 2014 arriva la notizia che Loris Stival è stato strangolato utilizzando delle fascette che si usano negli ambienti degli elettricisti. Non si sa però ancora dove il piccolo sia stato ucciso, quello che è certo è che sul corpo vi sono anche dei graffi sia sul viso che sul collo. Le indagini appurano che ci sono almeno 3 contraddizioni nel racconto di Veronica Panarello, la distanza dalla scuola alla quale è stato lasciato Loris Stival: nella prima versione sono 500 metri nella seconda solo pochi metri.

Un altra contraddizione è l’arrivo al corso di cucina dove la madre dice di essere andata subito dopo aver lasciato l’altro figlio alla ludoteca, in un secondo verbale Veronica Panarello dice di essere passata prima da casa per sbrigare alcune faccende domestiche.

La terza contraddizione, forse la più inquietante, è che la donna durante il percorso con l’auto un sacchetto dell’immondizia in un area molto vicina al Mulino Vecchio dove verrà ritrovato il cadavere del figlio.

Scoppia il giallo delle fascette che Veronica Panarello avrebbe consegnato alla maestra del figlio, sostenendo che il piccolo Loris le utilizzava per alcuni compiti in classe di scienze. Il 5 dicembre è anche il giorno delle ulteriori conferme da parte delle telecamere. La macchina della donna infatti quella mattina non ha mai raggiunto la scuola, ha invece percorso la strada che porta al Mulino Vecchio. Gli inquirenti accertano anche che il bambino torna a casa alle 8.32, alle 8.49 ritorna anche la madre che esce poi alle 9.25. Che ha fatto in quei 36 minuti?

E’ il 9 dicembre quando la procura va a prendere Veronica Panarello e la sottopone ad un interrogatorio serrato, a fine serata il fermo giudiziario. Per gli inquirenti è stata lei ad uccidere il piccolo Loris e ad occultarne il cadavere.

I Protagonisti della vicenda

Andrea Lorys Stival (8 anni): bimbo nato dal matrimonio tra Davide Stival e Veronica Panarello
Veronica Panarello (casalinga): madre del piccolo Lorys e ultima persona ad averlo visto vivo, sospettata di averlo ucciso e poi averne occultato il cadavere, si è sempre proclamata innocente
Orazio Fidone (65 anni, pensionato dell’Enel): è la persona che ha ritrovato in circostanze “misteriose” il cadavere del piccolo Lorys nel canale di scolo del Mulino Vecchio
Davide Stival (autotrasportatore): padre del piccolo Lorys e autotrasportatore, al momento della scomparsa e del ritrovamento si trovava fuori per lavoro. Inizialmente ha difeso a spada tratta la moglie

Tappe della Vicenda

29.11.2014 – Scomparsa di Andrea Lorys Stival e ritrovamento del cadavere
30.11.2014 – La Procura della Repubblica apre un fascicolo per omicidio volontario
01.12.2014 – Le prime risposte dell’autopsia: il piccolo Lorys è stato strangolato
02.12.2014 – Il cacciatore Orazio Fidone che ha ritrovato il cadavere del piccolo Lorys viene indagato, iniziano ad emergere i primi dubbi sulla versione della mamma Veronica Panarello
03.12.2014 – Un video smentisce la ricostruzione degli spostamenti di Veronica Panarello
04.12.2014 – L’autopsia conferma che Lorys Stival è stato strangolato con delle fascette da elettricista. La madre Veronica Panarello ripercorre il percorso con la Polizia
05.12.2014 – Il giallo delle fascette elettriche consegnate da Veronica Panarello alla maestra
06.12.2014 – Veronica Panarello era nel luogo del ritrovamento del figlio quella mattina. Sei minuti per percorrere una strada dove ce ne vogliono 2
07.12.2014 – La telefonata di Veronica Panarello al marito
08.12.2014 – Veronica Panarello sotto torchio in Procura
09.12.2014 – Veronica Panarello arrestata per omicidio volontario con l’aggravante della parentela e della crudeltà

Gli articoli di Delitti.net

18.12.2014 Ricostruzione degli spostamenti di Veronica Panarello in quella drammatica mattina
16.12.2014 Delitto di Loris Andrea Stival, i tre scenari della Procura
13.12.2014 Omicidio Loris Stival: “Veronica ha ucciso, la sua è un’indole malvagia”
12.12.2014 Delitto Loris Stival, sotto esame i PC di Veronica Panarello e Orazio Fidone
12.12.2014 Omicidio Loris Stival: ecco l’ordinanza di fermo di Veronica Panarello
11.12.2014 Omicidio Loris Stival, ricostruzione spostamenti Veronica Panarello
11.12.2014 Veronica Panarello, storia dell’infanzia della mamma di Loris Stival
10.12.2014 Veronica Panarello come Annamaria Franzoni: le analogie
10.12.2014 Delitto Loris Stival, la mamma: “Non ho ucciso mio figlio, dovete credermi”
09.12.2014 Veronica Panarello: profilo psicologico della madre di Andrea Loris Stival
09.12.2014 Delitto Loris Stival, per Roberta Bruzzone: “E’ stata un’esecuzione”
09.12.2014 Delitto di Loris Stival, il dramma del padre: “Deve dirmi perchè e poi può morire”
09.12.2014 Omicidio Loris Stival: arrestata la madre Veronica Panarello
08.12.2014 Delitto Loris Stival: la mamma portata in Procura con il marito
07.12.2014 Delitto Loris Stival: Veronica Panarello tentò il suicidio con una fascetta elettrica
06.12.2014 Omicidio Stival: la notte della svolta? Le telecamere del paese smentiscono Veronica Panarello
05.12.2014 Omicidio Stival: trovate tracce di sangue dell’assassino sotto le unghie del bambino, il cerchio si sta per chiudere?
05.12.2014 Delitto Loris Stival: la madre consegnò un gruppo di fascette alla maestra
04.12.2014 Loris Stival: finito l’interrogatorio, rimangono dubbi su Veronica Panarello
04.12.2014 Delitto Loris Stival: analisi e sospetti sul comportamento della madre
04.12.2014 Delitto Andrea Loris Stival: strangolato con una fascetta da elettricista
04.12.2014 Loris Stival ultime notizie: parla Veronica Panarello
03.12.2014 Veronica Panarello, foto della mamma del piccolo Andrea Loris Stival
03.12.2014 Veronica Panarello, il tentativo di suicidio della mamma di Loris Stival al centro delle indagini
03.12.2014 Delitto Andrea Loris Stival: il video smentisce la madre, Loris strattonato e abbandonato in strada da Veronica Panarello
03.12.2014 Delitto di Loris Andrea Stival, era abusato da tempo, incubo pedofilia
02.12.2014 Delitto Andrea Loris Stival, la mamma Veronica Panarello convocata in procura
02.12.2014 Delitto di Loris Andrea Stival, arriva la squadra speciale dello SCO
01.12.2014 Andrea Loris Stival, dall’autopsia è emerso che il bimbo è stato ucciso e violentato
30.11.2014 Andrea Loris Stival, trovato morto a soli 8 anni. I carabinieri: “Probabile omicidio”

Atti Processuali

Ordinanza di fermo per Veronica Panarello (parte 1)
Ordinanza di fermo per Veronica Panarello (parte 2)

Photogallery

Lascia un commento

Back to Top