HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiLucca: caporeparto della Lucart ucciso a San Filippo
lucart

Lucca: caporeparto della Lucart ucciso a San Filippo

di

Questa mattina, Francesco Soldini, si stava recando a lavoro, come tutte le mattine, senza sapere che dietro una siepe lo attendeva Massimo Donatini. L’uomo si è presentato spontaneamente in caserma per confessare l’omicidio del caporeparto della Lucart.

lucartMassimo Donatini era un caldaista della Lucart, nota azienda cartiera della provincia di Lucca ma temeva di essere licenziato a breve e che quella di oggi sarebbe stata la sua ultima giornata di lavoro. I colleghi di Donatini, già ascoltati dagli inquirenti, hanno detto che non erano a conoscenza di dissidi tra il caporeparto e il collega, anzi pare che venisse trattato con stima e rispetto. Tuttavia secondo Donatini, il comportamento assunto Sodini era un modo gentile per non fargli pesare il prossimo licenziamento. Questa versione non convince gli inquirenti che si sono recati presso la Lucart per cercare di trovare altri elementi utili per risalire al movente dell’omicidio. Quello che appare chiaro è che ci sia la premeditazione. Alla tragica scena ha assistito la moglie di Sodini, accorsa alla finestra dopo aver sentito gli spari. Il caporeparto della Lucart è morto all’istante.

La ricostruzione fornita da Donatini è agghiacciante. Il suo piano è da manuale. L’arma è stata sottratta al padre qualche giorno fa. Questa mattina è uscito all’alba per una corsa mattutina, ma prima di arrivare nei pressi dell’abitazione del caporeparto della Lucart si è fermato in un campo per provare l’arma. L’esecuzione è durata pochissimi minuti anche se la vittima ha provato a fuggire.

Gli spari hanno attirato anche i vicini e tutto il quartiere di San Filippo è scioccato e turbato dall’accaduto. I più increduli sono i dipendenti della Lucart che chiederanno conto all’azienda per cercare di fare luce sull’accaduto. Le indagini non sono ancora chiuse e non è escluso che nelle prossime ore potrebbero emergere ulteriori dettagli. L’azienda tuttavia ha già comunicato che non erano previsti né il licenziamento né la mobilità per il killer.

Lascia un commento

Back to Top