HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsLucia Annibali, sfigurata dall’acido. Luca Varani: “La penso sempre. Sono pentito”

Lucia Annibali, sfigurata dall’acido. Luca Varani: “La penso sempre. Sono pentito”

di

lucia annibaliL’avvocato Luca Varani è stato condannato a 20 anni di reclusione per l’orribile aggressione fatta nei confronti di Lucia Annibali, la donna sfigurata in volto dall’acido

Ieri sera, 4 febbraio 2016, è andata in onda un’altra puntata di “Storie maledette”, che ha visto protagonista Luca Varani, attualmente rinchiuso nel carcere di Teramo. Quest’ultimo ha raccontato durante l’intervista di Franca Leosini, di essere pentito del grave gesto che ha rovinato per sempre la sua vita e quella di Lucia Annibali: “Non c’è un giorno, non c’è un’ora che non penso a Lucia, a quello che sta facendo. Sono contento che abbia fatto un percorso importante. So che dovrà combattere, e se un giorno potrà perdonarmi, sono sicuro che sarà possibile, sarà una cosa che farà del bene anche a lei”.

Nel corso dell’intervista, l’imputato ha raccontato i momenti antecedenti e precedenti l’aggressione, per poi confessare il suo pentimento: “Sono pronto a pagare: quello che è successo al volto di Lucia è colpa mia. So che sta combattendo, che sta facendo un percorso difficile. Io non posso aiutarla, posso aiutarla dicendo che mi dispiace, che sono pentito. [..] L’ho fatta soffrire, prima l’ho ferita nei sentimenti e poi anche fisicamente. E’ un rimorso che mi porterò dietro sempre. E’ dura per lei ma è dura anche per me”.

Quella di Luca Varani e Lucia Annibali è stata una relazione tormentata e portata avanti nonostante l’uomo fosse fidanzato con Ada, la donna che ritiene il suo vero amore. L’imputato ha raccontato di non averla mai minacciata ma di aver ingaggiato a fine relazione due albanesi, dapprima per rovinarle l’auto e farle un dispetto, poi per farle del male fisicamente. Quel maledetto 16 aprile del 2013 è stato il giorno della rovina: “Non li ho fermati e questo è il mio più grande rimorso. Questa è la mia responsabilità e me l’assumo”.

Lascia un commento

Back to Top