HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsLuciano Pezzella, arrestato per aver sterminato un’intera famiglia

Luciano Pezzella, arrestato per aver sterminato un’intera famiglia

di

Luciano PezzellaLuciano Pezzella, agente di polizia penitenziaria, ha sterminato per un banale motivo un’intera famiglia uccidendo anche un uomo estraneo alla vicenda. La tragedia è avvenuta a Trentola Ducenta, paesino in provincia di Caserta

A perdere la vita nella sanguinosa strage di Trentola Ducenta, che si è consumata in via Carducci, sono stati Michele Verdi, la moglie Vincenza, il figlio Pietro e Francesco Pinestra il quale si era recato presso l’abitazione dei Verde per prendere alcune cassette per la frutta ignaro che proprio in quel momento si sarebbe dato il via ad una carneficina. A salvarsi miracolosamente da questo brutale agguato è stata solo la ragazza di Pietro Verdi che era in casa al momento della sparatoria e che sarebbe stata avvisata dal fidanzato di non uscire per nessun motivo dalla sua cameretta.

Un folle massacro di cui Luciano Pezzella è l’autore che si sarebbe addirittura costituito presentandosi nella caserma di Aversa dopo essersi reso conto di ciò che aveva combinato: “Ho ammazzato i miei vicini. Ho fatto un macello”.

Secondo le prime ricostruzioni del caso, sembrerebbe che Luciano Pezzella sia stato infastidito dai continui spostamenti dei Verde di alcune cassetta della frutta, che Michele recuperava al mercato ortofrutticolo dove lavorava come parcheggiatore per poterle rivendere ai commercianti, e dai troppi camioncini che arrivavano nei pressi dell’abitazione di mattina presto per fare il carico dei contenitori di legni.

E’ stato proprio dopo l’arrivo dell’ultimo camioncino guidato da Francesco Pinestra che Luciano Pezzella avrebbe impugnato la sua pistola ed aperto il fuoco contro Michele Verde e Pinestra il quale sarebbe deceduto dopo l’arrivo in ospedale. Poco dopo l’assassino si sarebbe recato nell’abitazione di Michele per uccidere la moglie e il figlio.

Luciano Pezzella dopo aver confessato il tutto è stato trasferito nel carcere di Santa Maria Capua Vetere con l’accusa di omicidio plurimo.

Lascia un commento

Back to Top