HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoNewsLuka Rocco Magnotta, condannato all’ergastolo per aver ucciso uno studente nel 2012

Luka Rocco Magnotta, condannato all’ergastolo per aver ucciso uno studente nel 2012

di

Luka Rocco MagnottaLuka Rocco Magnotta è stato giudicato colpevole per l’omicidio di uno studente cinese di 32 anni che nel 2012 fece a pezzi con una incredibile crudeltà. La giura inoltre, ha respinto la richiesta della difesa di riconoscergli l’infermità mentale

Luka Rocco Magnotta dopo due anni da quel atroce delitto è stato condannato all’ergastolo. L’uomo, ex attore porno ormai conosciuto come il “pornokiller”, dopo aver ucciso lo studente era fuggito in Francia dove era stato avvistato da un testimone a bordo di un pullman: “Non siamo autorizzati a chiedere i documenti per un viaggio in Europa, eccetto che per l’Inghilterra – aveva detto un impiegato – Se si è registrato sotto falso nome e ha pagato cash, è come cercare un ago in un pagliaio”.

L’attore aveva poi deciso di rifugiarsi in Germania dove era stato arrestato in un internet cafè dopo la segnalazione del proprietario. Venne successivamente estradato in Canada per dare il via al processo in cui era stato accusato per omicidio di primo grado e sfruttamento del sistema postale per la consegna di materiale osceno.

Tutto ha avuto inizio nel maggio del 2012 quando Luka Rocco Magnotta aveva filmato e diffuso le brutali immagini di quell’efferato omicidio.

Nel video, che aveva una durata di 10 minuti, veniva mostrato l’uomo che colpiva più volte la vittima con un rompighiaccio. Lo studente veniva poi smembrato e seviziato.

Alla fine di quelle bestiali immagini invece, si poteva ben vedere Luka Rocco Magnotta intento a mangiare anche alcuni pezzi del corpo senza vita del ragazzo. Il tutto era stato registrato con in sottofondo la colonna sonora del film American psyco.

Il killer poco dopo l’omicidio aveva spedito alcuni pezzi del corpo della vittima indirizzate in varie zone del Canada: un piede era stato recapitato alla sede del partito conservatore di Ottawa, una mano nell’ufficio postale della città e il dorso era stato invece chiuso in una valigia abbandonata a Montreal.

Lascia un commento

Back to Top