HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidi in FamigliaMamma scopre che il figlio ha marinato la scuola: lui la uccide e tenta il suicidio

Mamma scopre che il figlio ha marinato la scuola: lui la uccide e tenta il suicidio

di

mammaUn ragazzino di 17 anni ha ucciso la mamma, ferito il padre e tentato di suicidarsi. La tragedia è avvenuta a Verona ed è stata causata per un motivo banalissimo

Marinare la scuola è una cosa che accomuna tanti ragazzi e che non può diventare il movente di un brutale omicidio. I genitori del giovane assassino avevano scoperto che il 17enne aveva saltato alcuni giorni di lezione a loro insaputa. L’atroce vicenda da quel momento si è consumata improvvisamente: il ragazzino ha deciso di uccidere la mamma servendosi di una roncola che le ha letteralmente spaccato la testa.

Il rapporto tra madre e figlio era stato sempre abbastanza difficile e a peggiorare la situazione sono state quelle troppe assenze ingiustificate. Il 17enne infatti, non si era presentato più a scuola dalle vacanze pasquali ed è proprio per questo motivo che tra la mamma ed il figlio era scoppiata un’accesa discussione.

Giovanni, il fratello maggiore della vittima, ha dichiarato a riguardo: “Sapeva che suo figlio negli ultimi giorni aveva “fatto berna”. È un’insegnante, bastava un colpo di telefono a scuola. Che mio nipote non fosse andato a lezione è vero, non è certo l’unico ragazzo ad averlo fatto. E se il papà e la mamma ti scoprono, ti sgridano dicendoti che non lo devi fare”.

Dopo aver ucciso la mamma, il giovane ha ferito con la stessa arma il padre ed ha poi tentato di uccidersi buttandosi sotto ad un trattore. Il 17enne è stato immediatamente ricoverato d’urgenza ma purtroppo è stato dichiarato in stato di coma irreversibile.

Intanto i parenti e i conoscenti della famiglia non credono ancora a tutto ciò che è accaduto e a quel rapporto tormentato che il giovane aveva con la mamma: “Certo, è un ragazzo taciturno, solitario, introverso. Ma era legatissimo a sua madre, quasi più che al padre”.

Lascia un commento

Back to Top