HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsPillole NereManuel Foffo: “Ho filmato Varani mentre stava morendo”

Manuel Foffo: “Ho filmato Varani mentre stava morendo”

di

Manuel Foffo nel corso della confessione inerente l’omicidio di Luca Varani ha ammesso di aver filmato la vittima agonizzante, un video dell’orrore, immagini raccapriccianti e crudeli degli ultimi istanti di vita del povero ragazzo torturato da lui e da Marco Prato senza pietà.

Luca Varani - delitti.netFoffo avrebbe detto agli inquirenti: “Ho anche filmato il povero Luca Varani mentre era a terra, agonizzante”. Gli agenti avevano da tempo ipotizzato che esistesse un filmato della morte di Varani, come si dice in gergo uno “snuff-movie”, ora ne hanno la certezza assoluta, e stanno cercando di recuperarlo dalla memoria dello smartphone di Foffo che aveva provveduto a cancellarlo.

Nell’ambiente delle perversioni un video a sfondo pornografico con immagini di violenze e torture e con finale estremamente cruento, come la morte di una o più vittime riprese si chiama appunto snuff-movie; di questi video in rete se ne trovano parecchi purtroppo, ma sono generalmente dei “fake”, cioè è tutto falso, ma quello di Foffo è tragicamente vero.

Luca Varani venne ucciso da Foffo e Prato il 4 marzo nel corso di un festino a base di sesso, con un coltello e un martello; ma prima di essere finito il giovane fu a lungo torturato dai due assassini che erano in preda all’alcol e alla droga; le immagini del video saranno senza dubbio cruente, cosi come ha confermato Manuel Foffo nella sua confessione; che viene descritta sul settimanale “Panorama” cosi: “una ripresa angosciosa, anche se di pochi secondi, immagini in movimento, che partono dal salottino della casa di Foffo e arrivano fino alla camera da letto, dove ritraggono la vittima agonizzante con accanto l’altro presunto omicida, Marco Prato, ancora vestito da donna»

Orrore che si aggiunge all’orrore di una storia torbida e sanguinosa, di vite spezzate e di vite perdute, l’orrore senza fine di quello che ormai è tristemente noto come  “il delitto del Collatino”, una pagina nera tra le tante della Capitale.

Fonte: Panorama

Lascia un commento

Back to Top