HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsMarcheno: alla fonderia Bozzoli 300 sacchi di scorie dei forni da esaminare, alla ricerca di tracce di Mario Bozzoli

Marcheno: alla fonderia Bozzoli 300 sacchi di scorie dei forni da esaminare, alla ricerca di tracce di Mario Bozzoli

di

Ancora ferma la produzione alla fonderia Bozzoli Srl di Marcheno; dove giovedi i carabinieri della Scientifica di Brescia hanno portato a termine l’inventario dei beni contenuti all’interno dell’azienda e hanno prelevato circa 300 sacchi contenenti le scorie dei forni ora fermi, ancora da esaminare.

I materiali di scarto dei forni saranno esaminati dall’anatomopatologa Cristina Cattaneo. La lunga e complessa operazione è necessaria per accertare se lo scorie contengano eventuali tracce di Mario Bozzoli, scomparso l’8 ottobre. I sacchi verrano portati in parte in un’azienda del bresciano che tratta prodotti similari, il restante verrà scaricato in un capannone vicino a Milano, dove il lavoro dell’esperta sarà cosi facilitato.

Bozzoli delitti.netIntanto si è in attesa dell’interrogatorio di Alex e Giacomo Bozzoli, la cui data non è ancora stata fissata; i due nipoti di Bozzoli, accusati formalmente insieme ai due operai Oscar Maggi e Akwasi Aboagye di omicidio volontario e distruzione di cadavere.

Se tra le scorie della fonderia verranno trovate tracce dell’imprenditore scomparso la posizione dei due fratelli, e dei due dipendenti si aggraverebbe. Parallelamente prosegue l’indagine sulla morte misteriosa di Giuseppe Ghirardini, l’altro operaio che era presente in azienda il fatidico 8 ottobre. Ghirardini fu rinvenuto ormai cadavere dopo dieci giorni in località Case di Viso, a Ponte di Legno. In merito alla morte dell’operaio di Bozzoli è stata sentita dal pm anche la ex moglie di Ghirardini, tornata in Italia dal Brasile, la donna è stata messa sotto protezione in attesa di ulteriori sviluppi sulla strana morte dell’ex marito.

Lascia un commento

Back to Top