HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiMaria Anastasi, tracce di sangue ritrovate sulle scarpe del marito

Maria Anastasi, tracce di sangue ritrovate sulle scarpe del marito

di

Sono state trovate tracce di sangue di Maria Anastasi, sulle scarpe indossate da Salvatore Savalli, marito della donna e autore del delitto, che confermano la sua colpevolezza. L’uomo insieme alla sua ex amante Giovanna Purpura è infatti imputato per l’omicidio di Anastasi

Maria Anastasi venne uccisa al nono mese di gravidanza il 4 luglio del 2012, per poi essere bruciata e lasciata senza vita nelle campagne trapanesi. Nell’ultima udienza si sono messe in evidenza delle tracce di sangue appartenenti a Maria Anastasi ritrovate sulle scarpe del marito e su un bermuda trovato nascosto dentro una busta nei dintorni del luogo del delitto.

Carlo Romano, comandante della sezione di Biologia del Ris di Messina, ha poi spiegato: “I colpi sono stati inferti alla donna quando era già distesa per terra e a breve distanza, come si evince dalla traiettoria delle tracce ematiche rinvenute e analizzate. Da un esame del Dna è emerso che il sudore sui bermuda appartenesse a Savalli”.

Sugli indumenti della ex amante di Savalli non sono state trovate invece tracce di sangue: “Non era a una distanza tale da essere investita dagli schizzi di sangue. Ma non e’ possibile stabilire con precisione quanto fosse distante dalla vittima”.

maria anastasiMaria Anastasi venne uccisa dal marito con il quale aspettava il quarto figlio poichè quest’ultimo, era intenzionato a volersi rifare una vita con la sua amante Giovanna Purpura, la quale viveva nella stessa casa della vittima perchè le era stata presentata come una ex fidanzata del fratello di Savalli.

Un omicidio brutale, dato che la donna è stata uccisa al nono mese di gravidanza, perchè lo scopo di Savalli era quello di rimanere vedovo per poter finalmente vivere la sua storia extraconiugale alla luce del sole.

Ad incastrare Savalli per l’omicidio di Maria Anastasi furono i figli e i parenti dell’uomo, che ricostruirono il clima in cui maturò il delitto.

Lascia un commento

Back to Top