HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidi in FamigliaMaria Andrada Bordea, condannata a 16 anni di reclusione per l’omicidio del marito

Maria Andrada Bordea, condannata a 16 anni di reclusione per l’omicidio del marito

di

Maria Andrada BordeaMaria Andrada Bordea, 27enne di origine romena, ha ucciso il marito con una coltellata alla gola il 2 marzo 2014. La donna dovrà scontare 16 anni e due mesi di carcere

Maria Andrada Bordea ha tolto la vita al coniuge Dimitru, 33 anni, accoltellandolo alla gola e tentando in seguito di avvalorare la tesi del suicidio. Davanti al cadavere del 33enne infatti, la giovane donna avava detto che l’uomo si era tolto la vita per la disperazione.

In famiglia infatti, regnava un clima di tristezza e depressione a causa della forte crisi economica. Dimitru non lavorava da 3 anni ed aveva il terrore di non poter garantire un futuro roseo alla moglie e alle figlie di 3 e 6 anni. E’ per questo motivo che il 33enne si sentiva frustato, quel conto in banca era sempre rosso e cercava riparo nell’alcol che causava discussioni in famiglia.

A ricordare dei numerosi litigi della coppia è stata anche la figlia di 6 anni che però non sapeva nulla di quella maledetta sera dell’omicidio.

Maria Andrada Bordea aveva raccontato ai carabinieri che quel 2 marzo scorso Dimitru era tornato a casa per l’ennesima volta ubriaco fradicio e che le aveva chiesto di portare via le figlie perchè voleva suicidarsi.

La 27enne è stata però incastrata da una intercettazione a casa di una sua amica in cui raccontava ben altro. Maria Andrada Bordea si era infatti recata a casa dell’amica per chiederle di diventare il suo alibi. La sua compagna avrebbe dovuto dire che la donna era con lei in quelle ore del 2 marzo in cui avveniva la morte di Dimitru.

In poche ore sono scattate le manette per la rumena che durante gli interrogatori si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Gli esperti però non hanno dubbi: è stata lei ad affondare la lama nella gola del marito.

Le figlie dell’omicida sono state affidate alla cognata che non ha intenzione di perdonare la donna: “Poteva andarsene, chiedere aiuto. Lui non le ha mai messo le mani addosso”. 

Lascia un commento

Back to Top