HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsScomparsiMassa Marittima, scoperti resti umani in un podere: sono di Giuseppina Pierini?
polizia scientifica

Massa Marittima, scoperti resti umani in un podere: sono di Giuseppina Pierini?

di

Giuseppina PieriniIn questi ultimi giorni in un casolare in località Marsiliana di Massa Marittima sono stati trovati dei resti umani. Per gli investigatori potrebbero appartenere a Giuseppina Pierini, la 63enne scomparsa a luglio del 2012

Dopo alcune segnalazioni, i carabinieri hanno scoperto alcune ossa e brandelli di abiti da donna tra la fitta vegetazione cresciuta nei pressi di un casolare. A chi appartengono quei resti? L’ipotesi più accreditata al momento è che possa trattarsi di Giuseppina Pierini, la donna scomparsa da Massa ormai da più di tre anni.

Al momento della sua scomparsa, la 63enne indossava una tuta ed una giacca di colore scuro. Gli esperti l’avevano cercata ovunque ma dopo giorni di silenzio furono costretti ad interrompere le ricerche. Adesso a riaprire il caso potrebbero essere proprio quelle ossa che saranno attentamente analizzate.

Quella di Giuseppina Pierini, nata a Montieri nel 1949 poi trasferita a Massa, è una storia da incubo. Come si legge sul Iltirreno.it, la 63enne è morta dopo essere stata avvelenata e soffocata con un sacchetto legato intorno al suo collo con del nastro adesivo. Chi l’ha uccisa aveva pensato di farle bere un miscuglio di psicofarmaci. La donna aveva reagito, nessuno le avrebbe mai potuto aprire la bocca fino a che non le hanno tappato il naso e fatto ingoiare quel mix letale. Dopo aver chiuso la sua testa in un sacchetto, Giuseppina Pierini è morta. E’ stata poi caricata a bordo di un’auto per poi scomparire per sempre.

A raccontare questa storia ai carabinieri sarebbe stato proprio l’uomo che ha fatto ritrovare quei misteriosi resti. Quanto ha di vero quel racconto? Tanti sono ancora i dubbi degli esperti che per il momento preferiscono non dare alcuna certezza. E’ per questo che non ci sono indagati o presunti assassini. Le indagini continuano nella speranza di arrivare finalmente alla tanto attesa verità.

Lascia un commento

Back to Top