HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Misteri ItalianiNewsMatteo Pina: il mistero del lago di Pusiano

Matteo Pina: il mistero del lago di Pusiano

di

24 settembre 2004, due ragazzi in canoa solcano le acque del lago di Pusiano; una forte vento improvviso crea onde anomale e la piccola imbarcazione si rovescia, i due giovani finiscono in acqua, uno si salva, mentre l’altro scompare. Stiamo parlando di Matteo Pina un ragazzo di 23 anni che è letteralmente svanito in quel lago.

delitti.netIl suo corpo non è mai stato ritrovato, nè si hanno mai avuto più notizie di lui di nessun genere, le lunghe ricerche condotte undici anni fa non portarono a nulla e dopo cinque anni dal funesto evento, cioè nel 2009, il Tribunale di Como dichiarò ufficialmente lo stato di “presunta morte” per il giovane.

A distanza di undici anni il nome e la vicenda di Matteo tornano a far parlare di sè; una sensitiva potrebbe far riaprire il caso; la signora si è rivolta a una squadra di sommozzatori, ai quali ha indicato dove  fare nuove ricerche; le sue dichiarazioni sono molto precise, si tratta di Rachele Ciappesoni, una sensitiva e pranoterapeuta che vive a  Abbadia Lariana nei pressi di Lecco. La donna ha raccontato che da circa due anni  Matteo Pina si manifesta a lei, ecco la dichiarazione della sensitiva: «Matteo mi ha parlato più volte, indicandomi il punto esatto dove si trova. Mi ha chiesto un aiuto: è disperato e non trova pace». 

La signora Rachele ha affermato di non aver mai conosciuto Matteo in vita, ai sub ingaggiati Rachele ha chiesto di cercare nel lago di Pusiano in un punto preciso: vicino all’isola dei Cipressi; ed ecco che inaspettatamente il ritrovamento c’è stato: i sommozzatori hanno trovato ossa umane e le hanno portate subito a riva, consegnandole ai carabinieri; nei prossimi giorni sui poveri resti verrà eseguito il test del dna per stabilire se siano proprio di Matteo e finalmente far luce sul mistero dopo undici anni e dare pace al povero ragazzo e alla famiglia.

Lascia un commento

Back to Top