HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsMelania Rea, il suo delitto in una fiction

Melania Rea, il suo delitto in una fiction

di

L’efferato omicidio di Melania Rea come annunciato dal Resto del Carlino sarà il protagonista di una nuova puntata di Delitti che andrà in onda martedì 26 maggio alle ore 22,00 sul canale 118 di Sky. Intanto Parolisi, il marito della vittima accusato di essere stato l’autore del delitto, attende il giorno della nuova udienza

Melania ReaMelania Rea è stata uccisa il 18 aprile del 2011 nel bosco delle Casermette a Civitella del Tronto con oltre 30 brutali coltellate. Per il delitto l’unico colpevole è il marito, il caporalmaggiore Salvatore Parolisi, il quale avrebbe ucciso la donna per motivi passionali a causa di una relazione extraconiugale.

Nella puntata della fiction, prodotta da FremantleMedia Italia e diretta da Alex Infascelli, ad interpretare il ruolo del marito assassino è Luca Giancamilli. Nelle prossime puntate inoltre, verranno trattati altri episodi di cronaca nera che l’opinione pubblica non dimenticherà mai come la strage di Erba, riti delle Bestie di Satana e l’omicidio del piccolo ed innocente Tommy Onofri.

Intanto la grafologa Alessia Cigliano attraverso un’analisi della grafia ha colto la personalità di Salvatore Parolisi che sembrerebbe essere un uomo fragile, immaturo e che deve sentirsi sempre adulato e ammirato dagli altri.

L’uomo è ora in attesa del processo bis in corte di appello che si terrà mercoledì 27 maggio dove si discuterà principalmente della durata della sua pena che sarà probabilmente ribassata più di 20 anni per l’esclusione dell’aggravante della crudeltà. I legali del marito di Melania Rea hanno infatti dichiarato: “Noi puntiamo a fargli ottenere il massimo dello sconto di pena, siamo fermamente convinti che Salvatore Parolisi sia meritevole anche di avere le attenuanti generiche. Se gli venissero concesse la pena potrebbe scendere anche al di sotto dei 20 anni”.

Nel frattempo sulla vita di Parolisi viene svelato qualche segreto. Sembra infatti che l’uomo abbia ricevuto in carcere frequenti visite di una donna che però potrebbe essere una semplice giornalista intenzionata a raccontare la sua storia in un libro.

Lascia un commento

Back to Top