HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiMeredith, alibi falso per Raffaele e Amanda

Meredith, alibi falso per Raffaele e Amanda

di

Il procuratore generale Alessandro Crini, durante la requisitoria all’appello bis del processo per l’omicidio di Meredith, ha sostenuto che la sera del delitto di Meredith Raffaele Sollecito non si trovava al pc, come invece quest’ultimo aveva continuato ad affermare dicendo di aver “interagito” con il pc

Il pg ha dichiarato: “Il gestore internet ha spiegato come su quel computer, quella notte, si sia scaricato un film e ci sono stati aggiornamenti del sistema operativo. Insomma, nessuna interazione umana”.

L’alibi di Sollecito sembrerebbe dunque crollare, ma durante una pausa della requisitoria lui stesso ha dichiarato ai giornalisti: “Dopo tutto questo tempo devo continuare ad affrontare una situazione di accuse dette e ridette, che non hanno alcun fondamento di realtà o verosimiglianza”.

Il pg ha poi sottolineato anche la posizione riguardante Rudy Guede, condannato a 16 anni per omicidio in concorso: “Rudy il furbacchione, che stupra, uccide e lascia tutte le prove [..]. Rudy che poi va in bagno senza tirare lo sciacquone.. Ma stiamo scherzando? Un ricostruzione che stride con l’evidenza dei fatti. Una ricostruzione barocca. E chi se non Amanda e Raffaele aveva l’interesse a ricostruire questa scena senza loro due?”. Per il pg tutta la dinamica del delitto di Meredith ricostruita in modo artefatto è assurda.

meredithAnche per Amanda secondo il procuratore generale ci sarebbe un falsissimo alibi, creato calunniando Patrick Lumumba. La Knox infatti nella sua dichiarazione per l’omicidio di Meredith disse di aver sentito “l’urlo e la violenza”, probabilmente elementi veritieri di tutta la storia. Ma il pg si interroga su come sia stato possibile sentire “l’urlo” se come dice Amanda, non si trovava sul luogo del delitto quella sera?

“Perchè Amanda sarebbe entrata in casa non dando peso al vetro rotto della tentata rapina, delle feci lasciate da Rudy Guede nel bagno e delle macchie di sangue sul bidè, facendosi tranquillamente una doccia? e quindi il pg continua ad affermare: “Perché è la riprova di come Amanda Knox cerchi di creare un diversivo introducendo comunque elementi di verità, come quando racconta la scena del delitto e indica un ragazzo di colore presente sulla scena”.

Lascia un commento

Back to Top