HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoFemminicidioNewsMichelli Nogueira, fatta a pezzi e chiusa in una valigia

Michelli Nogueira, fatta a pezzi e chiusa in una valigia

di

Michelli NogueiraIl cadavere di Michelli Nogueira, hostess brasiliana di 31 anni, è stato rinchiuso in una valigia. Il marito della donna invece, è stato trovato senza vita in casa. La polizia indaga per duplice omicidio

Michelli Nogueira era scomparsa misteriosamente da alcuni giorni e proprio nelle ultime ore si è risolto il mistero. La donna, dipendente della compagnia aerea Azul, è stata uccisa.

La 31enne è stata fatta a pezzi dal suo assassino per poi essere rinchiusa in una valigia che è stata successivamente gettata nel bacino idrico di Cantareira: “La valigia con il corpo è stata trovata su un argine e, apparentemente, la donna è stata uccisa con dei colpi alla testa: ha lesioni al cranio e alla bocca. Non ci sono tracce di violenza sessuale”, ha dichiarato un portavoce della polizia.

Il marito di Michelli Nogueira era stato trovato senza vita, impiccato con una cintura stretta al collo, nella casa della coppia due giorni prima della macabra scoperta della valigia contenente il cadavedere della moglie.

La polizia non ha alcun dubbio e conferma che si è trattato di duplice omicidio. Resta solo da chiarire il movente: “Al momento non abbiamo sospetti, seguiamo la pista passionale, della vendetta e di un tentativo di rapina finito nel sangue”.

Nella casa della coppia sono stati inoltre trovati un coltello insanguinato, tracce di sangue sul pavimento, una bottiglia di vodka e tracce di stupefacenti. In un’altra valigia invece, sono stati rinvenuti alcuni documenti di Michelli Nogueira.

Sui cadaveri saranno effettuati esami tossicologici e autopici e in attesa dei risultati gli esperti interrogheranno possibili testimoni, amici, parenti e conoscenti delle vittime per avere maggiori informazioni sul caso.

La compagnia aerea Azul ha dichiarato: “La società sta fornendo tutta l’assistenza necessaria per la famiglia di Michelle e la collaborazione con la Polizia Civile per aiutare nelle indagini”.

Lascia un commento

Back to Top