HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Misteri ItalianiNewsMorte Riccardo Magherini, indagati 11 persone tra carabinieri e operatori sanitari

Morte Riccardo Magherini, indagati 11 persone tra carabinieri e operatori sanitari

di

I magistrati che indagano sulla morte di Riccardo Magherini hanno messo sotto indagini undici persone

MagheriniIl sostituo procuratore che ha in mano il fascicolo sulla morte di Riccardo Magherini ha iscritto nel registro degli indagati 11 persone. Le indagini sembrano essere ad una svolta per scoprire la verità su cosa realmente accadde la notte tra il 2 e 3 marzo a San Frediano.
La ex giovane promessa della Fiorentina Calciom Riccardo Magherini durante un controllo di polizia in cui ci fu una collutazione con gli agenti, fu colpito da un malore e perse la vita.
Nei giorni scorsi era trapelata la notizia che a finire nel mirino degli inquirenti fossero i due centralinisti del comando del 118 che ricevettero le chiamate per la richiesta di un immediato intervento e che avevano avuto il compito di colloquiare con i carabinieri e che inviarono due ambulanze.

Il giornale di Firenze, La Nazione, che da subito ha seguito il caso, tramite le pagine del giornale ha scritto che per i due centralinisti si sarebbe prospettata un accusa di omicidio colposo in concorso con i sanitari che intervennero sul posto.
Ma la contestazione di reato più grave è per i carabinieri che erano in servizio quella notte. Riccardo Magherini, era in un evidente stato di alterazion psico-fisica, come dimostrano i video pubblicati negli ultimi tempi sul suo caso, gli agenti lo spinsero a terra e lo ammanettarono tenendolo a pancia in giu, in questa posizione il giovane fiorentino fu tenuto fin quando non si accorsero che non respirava ormai più.

Quello che è al centro dell’inchiesta è l’eccessivo uso della forza da parte degli agenti. La famiglia di Riccardo Magherini ha presentato dopo la sua morte un esposto in cui sono certi che Riccardo sia stato immobilizzato utilizzando la forza in un modo non previsto e completamente spropositato rispetto allo scenario. La stretta del collo con le mani, infatti, non è una pratica che è consentita agli agenti, cosi come i calci ai fianchi quando il giovane era già steo a terra a pancia in giù. Quello che la famiglia ritiene è che queste pratiche cosi come la prolungata pressione sul corpo abbia provocato il malore che avrebbe poi cagionato la morte di Riccardo Magherini.

Nell’esposto c’è anche una parte che farebbe presagire il reato di crudeltà, infatti gli agenti nonostante fosse arrivata l’ambulanza e nonostante il ragazzo non respirasse gia più, hanno continuato ad esercitare pressione sul cadavere.

1 commento

  • Pingback:

    Morte di Riccardo Magherini si difendono i volontari del 118 | Delitti.net

    Rispondi

Lascia un commento

Back to Top