HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsMorte Stefano Bertona: è un omicidio? La polizia segue una nuova pista
Stefano Bertona

Morte Stefano Bertona: è un omicidio? La polizia segue una nuova pista

di

Stefano Bertona e la sua compagna russa sarebbero morti per un’overdose. Eppure c’è il sospetto che si sia trattato di un omicidio. La polizia sta seguendo una pista ben precisa che porta al riciclaggio.

Stefano BertonaLa morte di Stefano Bertona e della sua compagna russa Leyla Gareeva, è un giallo. I loro corpi sono stati restituti alle famiglie e domani pomeriggio si terranno i funerali di Bertona, così come annunciato dagli amici sul profilo Facebook dell’uomo dove si aggiungono commenti di sdegno per quanto riportato da alcune testate giornalistiche in merito alla sua vita privata. Non si sa nulla della cerimonia per Leyla Gareeva il cui profilo social è stato utilizzato dopo la sua morte da persone sconosciute che hanno provveduto a rimuovere i contenuti pubblicati dalla stessa.

Stefano Bertona e Leyla sono stati trovati privi di vita a bordo dello yacht di 12 metri noleggiato presso una società con sede a Genova, la stessa di cui l’uomo era amministratore. Stavano facendo un viaggio via mare e avevano ormeggiato a Rosas in Catalogna. La polizia di Girona che sta seguendo il caso, aveva ipotizzato che la coppia fosse morta a causa delle esalazioni provenienti dal motore guasto, eppure questa ipotesi era apparsa poco credibile. È da accertare se alcune persone ignote abbiano manomesso gli areatori di bordo. Stefano Bertona e compagna sono stati trovati nel pozzetto, in una zona poco distante dal quadro centrale, era tutto spento.

Stefano Bertona era un esperto, dunque si sarebbe accorto immediatamente di un guasto o di altre anomalie al motore. Queste imbarcazioni di nuova generazione inoltre hanno un sistema di areazione indotta che si attiva durante emergenze di questo tipo. Quello che si sa per certo e che Stefano e Leyla sino a notte fonda hanno festeggiato e i vicini di barca si sono lamentati per la musica troppo alta, poi il silenzio. Intanto emergono nuovi dettagli importanti, la polizia infatti ha scoperto che Stefano Bertona stava passando un momento difficile dal punto di vista finanziario e si indaga su vari fronti dall’esportazione illegale di denaro al riciclaggio.

Fonte: La Stampa

Lascia un commento

Back to Top