HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiOmicidi in FamigliaUltimissimeNapoli: agghiacciante tragedia familiare
tragedia familiare napoli

Napoli: agghiacciante tragedia familiare

di

Una tragedia familiare si è verificata nel pomeriggio a Napoli nei pressi di Piazza Dante e precisamente in Vico Bagnara. Le prime notizie giunte sono piuttosto contrastanti. Un maresciallo dei carabinieri ha ucciso la moglie, la madre e il figlio di otto anni e dopo si è sucidato.

tragedia familiare napoli

Vico Bagnara

Sono momenti difficili quelli che vivono i residenti del palazzo di Vico Bagnara, nel cuore della città partenopea. Un maresciallo dei carabinieri, Alfredo Palumbo di 43 anni, per cause ancora in fase di accertamento ha fatto fuori prima la moglie trentenne e poi il figlioletto. Negli attimi che hanno seguito la tragedia familiare si sono seguite molte notizie piuttosto discordanti, una di queste riguardava proprio il figlio (le prime fonti hanno comunicato che era una femmina e non un maschio).

Molti sono ancora i nodi da sciogliere e la zona è stata interdetta al transito. Sul luogo della tragedia familiare è arrivato il sostituto procuratore che è impegnato a ricostruire la vicenda insieme ai Carabinieri. La famiglia era molto conosciuta e stimata e nessuno riesce a spiegarsi cosa abbia spinto l’uomo a compiere quel folle gesto. Alfredo Palumbo era in servizio presso il Comando Legione. La scoperta della tragedia familiare è stata fatta dalla sorella dell’uomo che non riusciva a contattarlo telefonicamente. Quando è arrivata nell’appartamento ha dato subito l’allarme. Tra le vittime pare che ci sia anche la madre ma la notizia battuta da qualche minuto dalle agenzie di stampa è da verificare. Ci riserveremo di aggiornare l’articolo quando la situazione sarà più chiara.

Solo due giorni fa ad Arcavacata di Rende, nel cosentino, si è verificato un episodio analogo. Sempre nel pomeriggio un appuntato dei Carabinieri ha accoltellato la moglie suicidandosi poco dopo la sua morte.

Fonti: AGIRepubblica.itIl Messaggero

Lascia un commento

Back to Top