HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsNeonato morto durante il parto: ostetrica e ginecologa indagate per omicidio colposo

Neonato morto durante il parto: ostetrica e ginecologa indagate per omicidio colposo

di

neonatoUn neonato è morto durante il parto e la procura della Repubblica di Tempio ha aperto un’inchiesta su questo triste decesso. Ad essere indagate sono una ginecologa e un’ostetrica dell’ospedale civile Giovanni Paolo II di Olbia

La tragedia è avvenuta il 14 aprile scorso quando un neonato è purtroppo morto asfissiato durante le ultime fasi del parto. Secondo le prime ipotesi, il cordone ombelicale si sarebbe attorcigliato intorno al suo collo provocandone il decesso.

La madre ed il nascituro durante le prime fasi del parto non presentavano segni di sofferenza o complicanze. Improvvisamente però qualcosa deve essere andato storto. Il piccolo non è sopravvissuto ed è nato morto ma per fortuna la mamma è rimasta in buone condizioni di salute.

La procura della Repubblica di Tempo per questo triste decesso ha aperto un’inchiesta disponendo l’autopsia ed incaricando il medico legale della Asl di Sassari, Salvatore Lorenzoni, di eseguire l’esame nescroscopico per poter accertare le cause della morte del piccolo e di effettuare accertamenti clinici anche sulla placenta e sul cordone ombelicale.

Nel frattempo ai sanitari che erano in sala parto ad assistere la donna sono stati inviati degli avvisi di garanzia. Solo una volta ottenuti i risultati dell’accertamento post mortem e delle analisi cliniche sui reperti si potrà scoprire la verità.

Intanto, tutto il personale dell’ospedale di Olbia si è reso solidale con la famiglia del neonato alla quale è stata strappata in modo doloroso la gioia per una nuova nascita.

Sono troppi i neonati che nascono morti o che dopo il parto volano via senza aver avuto nemmeno il tempo di venire al mondo e di essere coccolati al di fuori dal pancione dai propri genitori. Basta ricordare la vicenda della piccola Nicole, nata e morta dopo poco a causa di troppi errori e di strutture sanitarie non adeguate e non preparate a qualsiasi emergenza.

Lascia un commento

Back to Top