HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidio Alessia Dalla Pia: diffusa la foto di Mohamed Jella, era stato espulso a Ferrara
femminicidio

Omicidio Alessia Dalla Pia: diffusa la foto di Mohamed Jella, era stato espulso a Ferrara

di

Emergono nuovi dettagli sull’omicidio di Alessia Dalla Pia, il convivente Mohamed Jella è ancora ricercato in tutta Italia. Ha una lunga lista di precedenti e un decreto di espulsione emesso dalla questura di Ferrara.

Mohamed JellaMohamed Jella aveva ricevuto una notifica di espulsione dal territorio italiano il 14 settembre. Ad emettere il provvedimento era stato il questore di Ferrara dopo che Jella aveva scontato una condanna per rapina. Tuttavia il 27enne era tornato a vivere a Parma, dalla compagnia Alessia Dalla Pia, la donna trovata morta la scorsa domenica pomeriggio nell’androne delle case popolari di Parma. La lista dei precedenti di Mohamed Jella era lunga, non figurano denunce per violenza, e negli scorsi giorni era stato fermato perché in possesso di una bici rubata.

Alessia Dalla Pia era seguita dai servizi sociali del comune di Parma, la donna era disoccupata e si era trasferita al quartiere Montanara da un paio di settimane. I vicini hanno raccontato che spesso litigava con il compagno, e che le liti erano accese. Non è certo però che fosse sempre coinvolta la vittima perché Mohamed Jella è stato visto in compagnia di una ragazza più giovane la settimana prima dell’omicidio della compagna e, anche in quella circostanza stava litigando.

Intanto si attende l’esito dell’autopsia sul corpo della vittima per stabilire le cause del decesso, lividi ed ecchimosi fanno pensare che sia stata picchiata; i capelli e i vestiti erano bagnati e gli inquirenti sospettano che la donna sia stata affogata nella vasca da bagno. Mohamed Jella voleva disfarsi del cadavere di Alessia Dalla Pia ma l’ha abbandonato quando qualcuno si è accorto di quello che stava succedendo. La procura ha diffuso la foto di Mohamed Jella affinché chiunque lo veda possa segnalare la sua presenza e procedere in questo modo all’arresto.

Fonte: Repubblica (Parma)

Lascia un commento

Back to Top