HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoOmicidio Alice Gruppioni: l’avvocato ha chiesto un nuovo processo per Nathan Campbell
alice gruppioni

Omicidio Alice Gruppioni: l’avvocato ha chiesto un nuovo processo per Nathan Campbell

di

La sentenza per l’omicidio di Alice Gruppioni è prevista per oggi. L’imprenditrice bolognese era a Venice Beach in California, in viaggio di nozze con il marito. Un uomo a bordo di un auto la investì uccidendola. Nathan Campbell è stato giudicato colpevole di omicidio di secondo grado ma il suo avvocato ha chiesto al giudice un nuovo processo.

alice gruppioniIl 3 agosto 2013, Alice Gruppioni e Christian Casadei, dopo aver coronato il loro sogno d’amore, avevano coronato quello di volare dall’altra parte del mondo, in California. Stavano passeggiando sul lungomare di Venice Beach a Los Angeles, quando è stata investita da un auto. Alla guida c’era un senzatetto del Colorado. La donna morì sul colpo, mentre altre 17 persone rimasero ferite. Nathan Campbell fuggì via, era accecato dall’odio perché un pusher lo aveva preso in giro e lo aveva visto tra la folla, ma si consegnò alla polizia di Santa Monica un paio d’ore dopo.

Nathan Campbell lo scorso mese di giugno è stato accusato colpevole di omicidio di secondo grado. La pubblica accusa aveva chiesto il primo grado che per l’omicida sarebbe stata una condanna a morte visto che in California è ancora previsa dall’ordinamento. La giuria però ha ritenuto che non ci fossero gli estremi per omicidio volontario quindi ha chiesto l’ergastolo e 35 anni per 17 capi d’accusa collegati all’omicidio.

Intanto i genitori di Alice Gruppioni sono straziati dal dolore. Mamma Barbara ha detto: «Il vero ergastolo è il nostro». Qualcuno della famiglia è volato a Los Angeles per ascoltare la lettura della sentenza anche perché l’ordinamento americano prevede che vengano ascoltati i parenti delle vittime. Christian Casadei ha già dovuto affrontare questa tappa del processo ed è stata davvero dura per lui perché la moglie è stata trascinata dall’auto per alcuni metri sotto i suoi occhi. La donna è morta per 35 dollari e un nuovo processo potrebbe ucciderla di nuovo.

Lascia un commento

Back to Top