HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
FemminicidioNewsOmicidi in FamigliaOmicidio Anna Mura, fermato il marito: “Non l’ho uccisa io”

Omicidio Anna Mura, fermato il marito: “Non l’ho uccisa io”

di

Anna MuraAnna Mura è stata trovata senza vita dal figlio 15enne. Il marito della donna poco dopo la scoperta del delitto si è reso irreperibile per più di un giorno. Finalmente gli esperti lo hanno trovato ed è stato arrestato. Lui continua a dichiararsi innocente

Quando il figlio di Anna Mura ha trovato il cadavere della mamma nella sua camera da letto, quest’ultima presentava una grave ferita alla testa. Quei colpi sferrati con immensa violenza alla vittima sono stati giudicati dall’autopsia compatibili con un grosso bastone che è stato ritrovato poco distante all’abitazione di Castenedolo in cui è avvenuto l’omicidio.

Il marito di Anna Mura è l’unico che avrebbe potuto farle del male. L’uomo stranamente proprio quel giorno non si era presentato a lavoro ed il suo cellulare risultava spento. Dopo ore di ricerche, Alessandro Musini, 50 anni, è stato trovato ed ora è in stato di fermo perchè indiziato del delitto.

Musini continua però a raccontare di aver visto la moglie senza vita quella maledetta mattina ma di essere scappato via per paura.

Nessuno crede al suo racconto, il 50enne avrebbe potuto almeno chiamare i soccorsi o allarmare il figlio. Perchè fuggire senza avvisare nessuno? Perchè spegnere il telefono e non andare a lavoro? L’uomo nelle prossime ore dovrà rispondere alle domande che gli verranno fatte in carcere con la presenza di un gip.

La sera prima dell’omicidio il figlio maggiore di Anna Mura ha inoltre raccontato di aver sentito i genitori litigare per l’ennesima volta: “In casa le liti erano frequenti. A volte i tratti erano davvero forti. Sabato avevano litigato. Lui l’aveva colpita con un pugno al volto. Poi sembrava che la cosa si fosse fermata. Ho saputo della morte di mia madre dai Carabinieri. Sono venuti in azienda e mi hanno portato in caserma dove mi hanno raccontato tutto. Uccisa con un martello…”.

Il giorno della scoperta dell’omicidio, Anna Mura doveva presentarsi da un avvocato per aprire la pratica di separazione. Lei non ne voleva più sapere di Alessandro. Voleva divorziare da quell’uomo sposato dopo la morte in un incidente del suo primo marito ma è stata purtroppo anticipata dalla brutale violenza del 50enne.

Lascia un commento

Back to Top