HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
FemminicidioOmicidio Antonia D’Amico, il figlio: “Donne, denunciate qualsiasi tipo di violenza”

Omicidio Antonia D’Amico, il figlio: “Donne, denunciate qualsiasi tipo di violenza”

di

antonia d'amicoAntonia D’Amico, 54 anni, è stata uccisa lo scorso 17 maggio dal suo ex compagno. A sei mesi da quel brutale omicidio, il figlio, Rocco Mazza, ha deciso di lanciare un appello a tutte le donne vittime di violenze e soprusi

Sono passati poco più di sei mesi da quando Antonia D’Amico è stata uccisa dal suo ex compagno. Tanto è il dolore dei figli che proprio non riescono ad accettare l’idea che la mamma sia morta a causa di un uomo violento. E’ proprio per questo motivo che, come si legge sul sito Ilgiorno.it, uno dei figli della donna, Rocco Mazza, ha voluto lanciare un appello: “Denunciate qualsiasi tipo di violenza. Sempre”. Basta violenza, basta vittime e basta con il silenzio di tutte quelle donne costrette a subire angherie.

La ferita di Rocco è ancora aperta: “Voglio sapere la verità. Cosa è realmente successo quella sera. Mi batterò perché ci sia una pena certa e pesante nei confronti del colpevole. Nessuno sconto per questo atroce delitto. L’uomo che ha ucciso mia madre dovrà restare in carcere per tanto tempo”.

L’assassino di Antonia D’Amico è al momento in carcere, ma l’esame dei Ris di Parma sulla presunta arma del delitto potrebbe incastrarlo definitivamente.

“Stiamo cercando di avviare una collaborazione con un’associazione contro la violenza sulle donne che ha sede a Milano – continua Rocco – Di certo non ci fermeremo qui. Quando succede una cosa del genere non sai mai come reagire. Ti casca il mondo addosso. Non è facile andare avanti. I miei figli mi chiedono della nonna. Non è facile raccontare quello che è successo. Per questo non voglio che un episodio del genere possa succedere in altre famiglie. Sono convinto che sia fondamentale che le donne denuncino i loro carnefici. Quando si subiscono violenze e maltrattamenti in casa, il silenzio non è la soluzione”.

Lascia un commento

Back to Top