HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
FemminicidioOmicidio Benetti: ecco le motivazioni della condanna all’ergastolo dell’assassino

Omicidio Benetti: ecco le motivazioni della condanna all’ergastolo dell’assassino

di

antonino bilellaEcco alcune motivazioni della condanna all’ergastolo di Antonino Bilella, 72 anni, l’agricoltore accusato di aver ucciso con premeditazione Francesca Benetti, 55 anni, proprietaria di Villa Adua, dove l’uomo viveva e lavorava

Antonino Bilella era molto geloso, ma non solo. Aveva paura di perdere il lavoro e la stanza che aveva in affitto alla Villa: “L’immediata interruzione del rapporto di affitto avrebbe significato per lui la perdita della casa e della possibilità di mettere in atto il proposito di allevare le pecore. Bilella si sarebbe ritrovato tutt’a un tratto senza un tetto, in una regione che non era la sua, dove si era trasferito per poter godere di un clima più congeniale ai suoi problemi di salute. È di fronte a questa paurosa prospettiva che l’imputato ha covato il proposito omicida”.

Perchè Bilella rischiava di essere allontanato da Villa Adua? L’agricoltore si era completamente invaghito della vittima, tanto da “farle avances, proponendogli di mettersi insieme a lui, lanciandosi anche in un approccio fisico più di una volta, provocando però la reazione stizzita di lei”, che aveva forse deciso di annullare il suo affitto.

Bilella a quel punto “si è sentito offeso e la rabbia, rinfocolata dalla profonda umiliazione subita come uomo, si è fatta ben presto così cieca da muovere il suo progetto omicida; un progetto che se gli fosse riuscito gli avrebbe consentito di restare a villa Adua comportandosi di fatto come proprietario“.

Il delitto progettato da Antonino Bilella è stato definito quasi perfetto, a comprometterlo solo un piccolo particolare: “L’imputato è stato abilissimo nell’eliminare il corpo della vittima. La perfezione è in fondo mancata solo per lo zampino del caso che ha voluto che due gocce di sangue colassero dall’involucro contenente il corpo finendo sul montante del bagagliaio” della sua auto di cui aveva cercato di sbarazzarsi rottamandola.

Fonte: Ansa.it – Iltirreno.gelocal.it

Lascia un commento

Back to Top