HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiUltimissimeOmicidio a Castelnuovo Val di Cecina
Castelnuovo

Omicidio a Castelnuovo Val di Cecina

di

La coppia si stava separando. L’uxoricidio è avvenuto in località “Podere il Sorbo” del comune del pisano, o meglio la località Podere Il Sorbo di Castelnuovo Val di Cecina.

Potrebbe aver ucciso la moglie dopo il culmine dell’ennesima lite che sarebbe stata scatenata dalla possibile separazione che la coppia stava per affrontare.Castelnuovo

L’assassino è un uomo di 55 anni, Roberto Barbieri, che non aveva alcuna intenzione di volersi separare dalla sua donna.

La tragedia si è consumata  nel primo pomeriggio di eri all’interno di in un’abitazione di Castelnuovo di Val di Cecina, in provincia di Pisa.

Poco dopo sul posto sono accorsi i i carabinieri che hanno ammanettato ai polsi di Barbieri, padre di due figli, di 21 e 16 anni, avuti dalla sua defunta moglie.

Proprio in queste ore il magistrato di turno sta interrogando l’uomo presso la stazione dei militari dell’Arma.

La donna uccisa, Sandra Fillini, di 53 anni, era un medico dell’Asl pisana in servizio presso il distretto sanitario locale.

Secondo le prime indagini medico-legali la vittima è stata raggiunta da diverse coltellate in più parti del corpo.

Il marito avrebbe agito spinto da un feroce  raptus, molti i fendenti che sarebbero stati scagliati dall’uomo che poi  si sarebbe accanito con rabbia sulla moglie.

Queste le dichiarazioni di “Barbieri ancora sotto shock:Abbiamo litigato, ho perso la testa, ho preso due coltelli dalla cucina e l’ho colpita cinque o sei volte fino ad ucciderla”

L’omicidio si è consumato in località Podere Il Sorbo di Castelnuovo Val di Cecina.

Gli inquirenti sono ancora al lavoro per capire i motivi che hanno spinto Roberto Barbieri ad uccidere la sua moglie Sandra Fillini, di 53 anni.

Saranno ascoltati familiari , parenti e vicini della coppia e si cercherà di indagare a fondo.

Nel frattempo l’uomo è nello stato di fermo e sarà inviato presso il più vicino carcere della zona.

 

 

 

 

Lascia un commento

Back to Top