HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidio Ciro Esposito: per i consulenti della difesa la perizia tecnica non è affidabile

Omicidio Ciro Esposito: per i consulenti della difesa la perizia tecnica non è affidabile

di

Guerra di perizie sull’omicidio di Ciro Esposito, i consulenti della difesa hanno presentato delle dettagliate considerazioni sull’inattendibilità delle conclusioni alle quali è giunto il perito del GIP

ciro-espositoNon ci sta la difesa di Ciro Esposito che ritiene inverosimile e non suffragata da elementi certi che De Santis sia stato aggredito con un coltello prima di esplodere i colpi di arma da fuoco che ferirono i tifosi napoletani prima della finale di Coppa Italia Napoli-FIorentina dello scorso 3 maggio. La settimana scorsa è stata depositata da parte della difesa una dettagliata relazione che contesta apertamente le conclusioni alle quali è arrivato il perito nominato dal GIP.

Il punto nevralgico è: De Santis fu aggredito con un coltello e subì un pestaggio prima di esplodere i colpi di arma da fuoco che ferirono Ciro Esposito e gli altri due tifosi napoletani?
Per la perizia, redatta dal Magg. Fratini, un gruppo di napoletani inseguirono De Santis e lo colpirono ripetutamente ferendolo in più punti, un pestaggio in piena regola anche con l’utilizzo di un arma da taglio.

Questa circostanza, dicono i consulenti della difesa, non è assolutamente suffragata da prove documentali certe. La Dott.sa Angela Tibullo, giurista e criminologa forense, che ha redatto insieme alla Dott.sa Stefania Borghetti e alla Dott.sa Daniela Celani la relazione presentata in Procura, sostiene infatti che non ci sono elementi per verificare questa dinamica.
E’ lo stesso perito che scrive nella relazione che “Purtroppo la documentazione medico-legale relativa alle ferite patite dai soggetti coinvolti nei fatti, è scarsa o addirittura assente”.
Le condizioni di salute in cui si trovava De Santis dopo il ferimento di Ciro Esposito non furono però mai accertate da referti medici, e l’unica testimonianza resta la sua.
De Santis, sentito più volte, ha sempre affermato anche tramite i suoi legali di essere stato aggredito con un coltello e di aver riportato delle lesioni. Questo dato non è stato mai verificato da nessuna documentazione medica, e da nessuna visita medico-legale.

Addiritura, affermano i consulenti della difesa, in un colloquio tra il perito e il collegio difensivo di Ciro Esposito è emerso il fatto che il Magg. Fratini, il perito nominato dal GIP, non era neanche a conoscenza del referto che indicava che De Santis aveva subito una frattura ad una gamba.
Sostiene quindi la Dott.sa Tibullo che la perizia è stata condotta con una carenza di informazioni e che le conclusioni alle quali è arrivato il Magg. Fratini non possono essere considerate attendibili per una corretta ricostruzione della vicenda.

Lascia un commento

Back to Top