HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiOmicidio di Concetta Conigliaro, i due Caltagirone restano in carcere
Concetta Conigliaro

Omicidio di Concetta Conigliaro, i due Caltagirone restano in carcere

di

Vincenzo e Antonino Caltagirone sono accusati di complicità nell’occultamento del cadavere della donna, omicidio del quale è accusato il marito. Il Riesame ha confermato gli arresti

 Concetta ConigliaroVincenzo e Antonino Caltagirone almeno per ora rimarranno agli arresti. I due (padre e figlio) sono accusati di complicità con Salvatore Maniscalco nell’occultamento del cadavere della moglie, Concetta Conigliaro, i cui resti erano stati rinvenuti carbonizzati nelle campagne tra San Cipirello e Camporeale, in Sicilia.

La decisione è del Tribunale del Riesame che ha accolto la tesi dell’accusa confermando le misure cautelari della custodia in carcere per Antonino e dei domiciliari per Vincenzo, basandosi sugli gravità degli elementi a disposizione oltre che sui loro precedenti. Le indagini sulla scompara e l’omicidio della donna di San Giuseppe Jato, che era sparita l’11 aprile scorso (anche se il fatto era stato denunciato soltanto un mese dopo dalla madre) fanno quindi passi in avanti.

I due Caltagirone erano stati visti dai vicini di casa del presunto omicida nei giorni immediatamente successivi alla scomparsa mentre lo aiutavano a disfarsi di varia roba tra cui un fusto metallico simile a quello dove sono stati poi trovati i resti di Concetta. Inoltre subito dopo la scoperta del corpo gli investigatori avevano trovato nella loro abitazione altre taniche per carburanti simili a quella rinvenuta al fianco dei resti e immagini sacre simili ad una ritrovata accanto al cadavere, non compatibili con la fede evangelica sia del marito che della vittima. Inoltre l’esame sui liquidi contenuti nella tanica rinvenuta sul posto e su quelle sequestrate in casa dei Caltagirone hanno dimostrato come il carburante fosse lo stesso.

L’alibi di padre e figlio, che avevano detto di raccogliere solitamente rifiuti ferrosi a domicilio, non corrispondeva a quello che effettivamente era stato e le intercettazioni ambientali registrate nelle vettura utilizzata dagli uomini oltre a quelle telefoniche avevano dimostrato in maniera inequivocabile come i due stessero cercando di trovare un accordo per non essere coinvolti nella vicenda.

Lascia un commento

Back to Top