HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOmicidio Cosimo Tedesco, arrestato il terzo responsabile dopo tre mesi di latitanza

Omicidio Cosimo Tedesco, arrestato il terzo responsabile dopo tre mesi di latitanza

di

Cosimo TedescoDopo tre mesi di latitanza i carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Brindisi sono riusciti ad arrestare Andrea Romano. Il 29enne è ritenuto uno dei responsabili materiali dell’omicidio del 52enne Cosimo Tedesco e del ferimento del figlio Luca

L’omicidio di Cosimo Tedesco è avvenuto il primo novembre scorso dopo una lite per futili motivi che ha avuto luogo in un condominio del quartiere Sant’Elia di Brindisi.

Gli esperti avevano già arrestato pochi giorni dopo il delitto due persone mentre altre due erano indagate in stato di irreperibilità. Tra gli ultimi due indagati c’era anche Andrea Romano che è stato localizzato nelle ultime ore a San Vito dei Normanni. Il 29enne era protetto da due persone, ovvero gli incensurati Giuseppe Prete e Cosimo Remitri, che sono state condotte in carcere con l’accusa di favoreggiamento e che prossimamente dovranno scontare presso le rispettive abitazione gli arresti domiciliari.

Inoltre, nel corso delle perquisizioni eseguite negli appartamenti dei fiancheggiatori i carabinieri hanno trovato una pistola Beretta che è probabilmente quella usata da Romano per uccidere il 52enne.

L’assassino al momento della sparatoria si trovava ai domiciliari con il braccialetto elettronico che aveva rimosso per poter scappare. Romano, dopo aver contribuito all’omicidio di Cosimo Tedesco, era infatti fuggito all’estero dove veniva aiutato economicamente dalla criminalità brindisina. Ancora irreperibile è invece Alessandro Polito, 31 anni, anche lui indagato in concorso per l’omicidio del 52enne.

Secondo gli esperti, l’omicidio di Cosimo Tedesco ero maturata all’interno di un condominio di piazza Raffaello a Brindisi dove la sera precedente durante una festa di Halloween per bambini era nata una discussione con gli assassini scaturita da un banale gesto dei figli dei due gruppi familiari.

Il chiarimento si era però trasformato il giorno successivo in omicidio. Gli indagati avevano gravemente ferito Cosimo, che morì in ospedale, e ferito anche il figlio, Luca Tedesco, che fortunatamente riuscì a salvarsi.

Lascia un commento

Back to Top