HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOmicidio del piccolo Alessandro: condannato Rasero, ritenuto unico colpevole

Omicidio del piccolo Alessandro: condannato Rasero, ritenuto unico colpevole

di

raseroGiovanni Antonio Rasero è stato condannato a 26 anni di carcere per l’omicidio del piccolo Alessandro Mathas, morto nella notte tra il 15 e il 16 marzo 2010 in un residence di Nervi

Dopo tre ore di Camera di consiglio, è stata confermata la condanna per Giovanni Antonio Rasero, che era stata già stabilita nel verdetto di primo grado nel gennaio 2011. Niente più ergastolo dunque per l’imputato, accusato di aver causato la morte del piccolo Alessandro.

Giovanni Antonio Rasero, che sperava di essere nuovamente assolto, così come avvenne negli anni scorsi in secondo grado, ha dichiarato di essere pronto a tutto, pur di dimostrare la sua innocenza: “Con questo ho affrontato quattro processi mentre lei ( Katerina, la madre di Alessandro attualmente agli arresti domiciliari ndr) dopo mezzo processo è già uscita. Allora ha ragione Berlusconi quando dice che i giudici fanno quello che vogliono”.

Per l’accusa infatti, l’unico colpevole del delitto del piccolo Ale è sempre stato Giovanni Antonio Rasero. Sarebbe stato lui a torturare il piccolo agonizzante, con colpi sul cranio, un morso sul piedino e alcune bruciature di sigaretta. Perchè fare del male al bambino? Forse l’uomo si era accanito sul piccolo per rabbia, causata dalla mancanza di altra cocaina, che la mamma del bimbo stava probabilmente cercando fuori al residence.

Prima della sentenza, Rasero ha voluto raccontare nuovamente la sua versione dei fatti: “A un certo punto, dopo che mi ero assopito davanti a un film con il bambino ancora vivo, ho sentito un rumore forte, ho visto la Mathas nel buio che tirava su il bambino, le ho detto “che cazzo fai, chiamo i carabinieri”. Lei mi ha spinto via, e si è messa dalla parte opposta della stanza abbracciando il bambino. Poi ci siamo riaddormentati, quando al mattino ho aperto le persiane ho guardato Alessandro e ho capito che era morto… sarò stato un cinico nelle prime reazioni, pensate quello che volete, ma sono un padre anch’io, e non avrei potuto fare male ad Alessandro. Mi dichiaro innocente, come sempre ho fatto”.

Fonte: Ilsecoloxix.it

Lascia un commento

Back to Top