HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiOmicidio di Daniele Discrede: terminata l’autopsia, il giallo si infittisce

Omicidio di Daniele Discrede: terminata l’autopsia, il giallo si infittisce

di

Dall’esame autoptico arrivano più dubbi che conferme, Daniele Discrede potrebbe essere stato colpito da lontano

Daniele-DiscredeGli inquirenti erano certi che i quattro colpi che hanno ucciso Daniele Discrede fossero stati sparati da distanza ravvicinata. Invece si starebbe facendo largo l’ipotesi di un vero e proprio agguato in via Roccazzo e che i colpi sia stati esplosi da lontano.

L’autopsia ha chiarito che Daniele Discrede è stato raggiunto da 4 proiettili con calibro 9, che gli hanno perforato il torace, la spalla e un braccio. Il vero punto su cui stanno indagando gli inquirenti è se preferire la pista dell’agguato o della rapina. In questo senso risulta di particolare interesse la distanza dalla quale sono stati esplosi i colpi mortali.

Gli investigatori con a capo il P.M. Ennio Petrigni cercano il movente di un assassinio che si sta tingendo di giallo ogni giorno di più. La ricostruzione esatta delle fasi omicidiarie di sabato scorso in via Rozzano è fondamentale.

Il corpo senza vita di Daniele Discrete però non ha dato al momento le risposte che si attendevano. La tecnica di indagine cerca di stabilire quanta polvere da sparo è rimasta nelle vicinanze dei fori di ingresso dei proiettili, ma purtroppo per un gesto di umana pietà il cadavere di Daniele Discrete era stato lavato e questo fattore ha reso molto meno accurata l’indagine.

I primi ad accorrere sul luogo dell’omicidio è stata una coppia di persone che dopo aver udito gli spari sono accorsi in strada. La scena che si sono ritrovati davanti è stata drammatica, un uomo Daniele Discrete giaceva a terra di fronte al supermercato “L’isola del Risparmio” in una pozza di sangue. Poco distante vi era la sua motocicletta, il casco ed anche dei bossoli che durante l’agguato non hanno raggiunto la vittima.
In strada anche la figlia di Daniele Discrete in stato confusionale e in lacrime. Gli assassini subito dopo l’omicidio sono scappati, e sembrerebbe che si trattasse di 3 uomini, tutti incapucciati.
La dinamica che gli inquirenti hanno ricostruito potrebbe essere questa: due uomini sono scesi da una macchina e li si sono ricongiunti con un terzo uomo, i tre hanno fermato Discrete e dopo aver aperto il fuoco sono scappati in auto.

Nella giornata l’auto utilizzata una Citroen C4 è stata trovata bruciata in prossimità di Bellolampo.
La pista che è stata immeditamente seguita è quella della rapina finita male, anche perchè Daniele Discrete prima di morire ha avuto il tempo di pronunciare alcune confuse parole e indicare la sua borsa con l’incasso, circa 4500euro.
Questa ipotesi però sta iniziando a vacillare, si mormora che Daniele DIscrete abbia reagito all’aggressione ma al momento questo risvolto non ha trovato conferma.

Quello che si chiedono gli inquirenti è il motivo per il quale il commando composto da tre persone abbia deciso di aprire il fuoco se voleva solo fare una rapina. Un uomo in compagnia della sua figlioletta di appena 8 anni è certamente facilmente immobilizzabile. Questo dubbio che attanaglia l’indagine sta spostando l’attenzione su un possibile movente . Si sta cercando di capire la situazione economica in cui versava Daniele Discrete alla ricerca di un possibile nesso con l’agguato. Di particolare interesse è la decisione che portò Daniele Discrete a cedere il suo ingrosso di bibite a due nuovi soci, che però decisero di cambiare il nome dell’azienda e di mantenere nello staff il vecchio titolare.

Non andando troppo lontano con la fantasia, gli investigatori si stanno chiedendo se quella ceditura fosse frutto di un debito e se Daniele Discrete fosse stato vittima di pressioni. Si cerca il movente, e nel frattempo per domani è previsto il funerale del commerciante.

Lascia un commento

Back to Top