HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidio di Gorghetto: la difesa di Francesco Grieco nomina la Bruzzone
francesco grieco

Omicidio di Gorghetto: la difesa di Francesco Grieco nomina la Bruzzone

di

Svolta nel caso del duplice omicidio di Gorghetto di Bomporto. Francesco Grieco, ha agito perché era “fuori di sé”. L’uomo ha ucciso prima la moglie e il giorno successivo si è scagliato contro la suocera perché chiedeva con insistenza notizie sulla figlia. La strategia difensiva è quella si seguire la pista dell’incapacità di intendere e di volere. La perizia è stata affidata alla criminologa Roberta Bruzzone.

francesco grieco

Fonte: Gazzetta di Modena

L’avvocato di Francesco Grieco, ha scelto come affrontare il processo seguendo come linea difensiva l’incapacità di intendere e di volere. Ci siamo occupati del duplice omicidio di Gorghetto di Bomporto la scorsa settimana. La confessione di Francesco Grieco è arrivata dopo un lungo interrogatorio in cui ha confessato che «erano la sua vita». L’uomo stava affrontando un periodo difficile a causa della perdita del lavoro. Il movente del duplice omicidio non è ancora chiaro, ma questa svolta potrebbe essere fondamentale per ricostruire il quadro mentale dell’uomo.

Enrico Aimi, il legale di Francesco Grieco, ha dichiarato che l’uomo vive in una condizione di “scompenso rispetto alla realtà”, e questo secondo lui giustifica l’assenza di un movente concreto. Per stilare la perizia, la difesa si è affidata ad un consulente tecnico esperto e stimato nel panorama italiano: la criminologa Roberta Bruzzone. Alla psicologa forense spetterà il compito di entrare nella mente dell’uomo e capire cosa lo ha spinto a strangolare prima la moglie Francesca Marchi e poi di uccidere a martellate la suocera Irene Tabarroni costretta a letto molte ore dopo il primo omicidio.

Il confine dell’imputabilità di Francesco Grieco è molto sottile e gioca proprio sui propri impulsi e sul volere. Nei prossimi mesi continueremo a seguire il caso del duplice omicidio di Gorghetto che non ha particolarmente sconvolto l’opinione pubblica o occupato le prime pagine delle cronache nazionale, ma merita il nostro interesse proprio per la sua particolarità.

Lascia un commento

Back to Top