HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
UltimissimeOmicidio Elena Ceste: il pm Deodato ha chiesto 30 anni per Michele Buoninconti
Michele Buoninconti

Omicidio Elena Ceste: il pm Deodato ha chiesto 30 anni per Michele Buoninconti

di

Questa mattina si è tenuta una nuova udienza del processo con rito abbreviato contro Michele Buoninconti, accusato di aver ucciso la moglie Elena Ceste.

michele-buonincontiIl pm Laura Deodato ha chiesto 30 anni di carcere per Michele Buoninconti. Nell’aula blindatissima del tribunale di Asti questa mattina si è svolta una nuova udienza del processo con rito abbreviato. La richiesta del pm è arrivata al termine di una requisitoria durata 4 ore.

Elena Ceste, la casalinga di Costigliole d’Asti è sparita il 24 gennaio del 2014. Michele Buoninconti era uscito per accompagnare i figli a scuola e per fare delle commissioni, ma quando è ritornato ha visto che la moglie era scomparsa. Abbiamo parlato più volte del caso di Michele Buoninconti e delle sue contraddizioni emerse in questi mesi. La svolta è arrivata il 29 gennaio del 2015 quando i carabinieri di Asti hanno arrestato l’uomo con l’accusa di omicidio e di occultamento di cadavere. L’omicidio di Elena Ceste si è consumato in un arco di tempo molto ristretto in cui l’uomo ha contattato i vicini e i parenti della donna per chiedere notizie, ma secondo l’accusa è stata un’aggressione violentissima. Michele Buoninconti ha raccontato che il giorno prima della sua scomparsa, Elena Ceste aveva avuto delle crisi, ma nel processo non si è ancora discusso di questo particolare. È certo che i due coniugi da qualche tempo non avessero un rapporto idilliaco, quindi si potrebbe ipotizzare che sia stata uccisa al termine di una lite. Ma i punti oscuri sono ancora molti.

Per il pm Deodato non ci sono ipotesi alternative dunque, Michele Buoninconti ha ucciso Elena Ceste. L’avvocato Scolari che da qualche giorno ha sostituito Marazzita nel collegio difensivo ha detto che la requisitoria è stata molto precisa e dettagliata, però manca la parte più importante, ovvero l’analisi degli indizi. Il prossimo 7 ottobre spetterà alla difesa parlare in aula e l’8 il giudice Roberto Amerio dovrà decidere. Con il rito abbreviato Michele Buoninconti, in caso di condanna, potrebbe usufruire di 1/3 della pena.

Lascia un commento

Back to Top