HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Cold CaseNewsOmicidio Fragalà, chiesta l’archiviazione dell’inchiesta

Omicidio Fragalà, chiesta l’archiviazione dell’inchiesta

di

Enzo FragalàEnzo Fragalà è morto il 26 febbraio 2010 dopo essere stato ferito mortalmente a colpi di bastone. Dopo quattro anni dall’omicidio la procura di Palermo ha chiesto l’archiviazione dell’inchiesta

Secondo il pm Maurizio Scalia e i sostituti Nino Di Matteo e Carlo Lenzi, non sarebbero stati raccolti sufficienti elementi per celebrare il processo di Antonino Siragusa, Francesco Arcuri e Salvatore Ingrassia, indagati per l’omicidio di Enzo Fragalà.

L’agguato all’avvocato venne eseguito sotto il suo studio legale in via Nicolò Turrisi a Palermo. Prima del delitto avvenne una conversazione a tre tra gli indagati: Arcuri parlava di un pezzo di legno che Siragusa e Ingrassia avevano necessità di far sparire insieme ad un motociclo.

A poter incastrare due indagati erano le immagini di una telecamera di sorveglianza di un negozio vicino al luogo dell’attacco ad Enzo Fragalà, ma le riprese non erano state definite abbastanza chiare da poter confermare che quelle persone fossero proprio Antonino Siragusa e Salvatore Ingrassia.

Durante le indagini inoltre, la voce che era stata assegnata ad Arcuri durante una conversazione intercettata dagli esperti per un’altra indagine, non era comparabile con quella dell’indagato durante quella conversazione a tre avvenuta il giorno dell’agguato all’uomo.

Arcuri era stato considerato dagli inquirenti l’esecutore materiale del delitto era stato arrestato nel 2013 per poi essere scarcerato tra febbraio e marzo di quest’anno, mentre Siragusa e Ingrassia erano già in carcere per reati legati al mondo della mafia e avevano ricevuto un nuovo ordine di custodia cautelare.

La famiglia della vittima sulla scelta di una eventuale archiviazione del caso non ha proposto opposizione. Sarà il Gip Fernando Sestito a decidere le sorti delle indagini sul delitto di Enzo Fragalà che era stato compiuto probabilmente per ragioni passionali.

Le indagini potrebbero ripartire da zero ma la procura di Palermo ritiene che l’omicidio sia da attribuire a Cosa Nostra.

Lascia un commento

Back to Top