HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOmicidio Garlasco: Chiara Poggi fu uccisa in pochi minuti

Omicidio Garlasco: Chiara Poggi fu uccisa in pochi minuti

di

chiara poggiLe analisi sul caso di Chiara Poggi continuano e, secondo il nuovo collegio di esperti, la pozza di sangue trovata nel punto in cui la vittima venne aggredita si formò in meno di 3 minuti

L’aggressione a Chiara Poggi, partendo dai primi colpi fino a quando il suo corpo non venne gettato nella scala, non durò un tempo considerevole come avevano stabilito i periti di primo grado ma, tutto accadde in “un tempo assai breve”.

Questa è la nuova ricostruzione sull’omicidio di Chiara Poggi che è tutta contenuta nelle 158 pagine della perizia. A firmare questa valutazione sono stati i professori Roberto Testi dell’Asl Torino 2, Gabriele Bitelli e Luca Vittuari dell’Università di Bologna.

L’arma usata per uccidere la giovane in così poco tempo, inoltre, sarebbe stato un martello che non è mai stato trovato: “A dimostrare che si tratterebbe proprio di quell’utensile ci sarebbero le tracce di sangue della vittima che indicano schizzi provocati da colpi inferti con violenza e con qualcosa di pesante come che amplifica la forza di impatto, pesante come un martello appunto.” L’indiscrezione che proviene dalle pagine della perizia, è stata resa pubblica dalla nota trasmissione televisiva Quarto Grado.

Al centro delle indagini anche la camminata che Alberto Stasi avrebbe fatto sulla scala che porta al seminterrato dove è stato ritrovato il corpo senza vita di Chiara Poggi.

I periti hanno stabilito che se Alberto fosse realmente entrato nella casa e avesse scoperto il cadavere avrebbe avuto solo una possibilità su dieci milioni di fare il percorso senza sporcarsi le scarpe del sangue che ricopriva i gradini. Neanche sul tappetino della sua auto sono state trovate tracce ematiche, se lui si fosse sporcato le scarpe, anche una minima parte di sangue, secondo i periti, sarebbe rimasto sul tappetino.

Per l’accusa Alberto Stati non è mai entrato nella villetta di Chiara Poggi perchè sapeva già che la 27enne era lì senza vita uccisa molte ore prima proprio da lui.

Il processo d’appello bis del delitto di Garlasco ripartirà mercoledì.

Lascia un commento

Back to Top