HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOmicidio Giuseppe Di Giacomo: tre indagati ma le prove non sono sufficienti

Omicidio Giuseppe Di Giacomo: tre indagati ma le prove non sono sufficienti

di

Giuseppe Di GiacomoGli indagati per il delitto del boss Giuseppe Di Giacomo non sono stati ancora condannati. Le tracce di Dna trovate sulla pistola utilizzata per uccidere l’uomo per il Gip non bastano e viene così rigettato l’ordine di arresto

La Procura di Palermo avrebbe arrestato senza esitazione tutti gli indagati per l’omicidio di Giuseppe Di Giacomo, freddato lo scorso anno all’interno della sua Smart, in via Eugenio l’Emiro, alla Zisa, ma il Gip Riccardo Ricciardi ha respinto la richiesta. E così Sergio Giacalone, Salvatore Pispicia e Agostino Nicotra si trovano ancora in carcere detenuti per altri reati.

Le prove non sono sufficienti: il Dna di Nicotra è stato trovato sulla pistola con la quale è stato ucciso Giuseppe Di Giacomo ma un’intercettazione conferma che l’indagato nello stesso istante in cui avveniva l’omicidio del boss era a telefono con una donna in una zona distante dalla Zisa. Eppure il telefono di Nicotra nelle ore precedenti l’agguato aveva agganciato la cella che include la via dell’omicidio. L’uomo aveva forse portato la sua pistola agli altri due indagati?

Tante sono le ipotesi ma troppi i segreti di Cosa nostra. Gli esperti vogliono arrivare al mandante dell’omicidio di Giuseppe Di Giacomo che, stando ai racconti del pentito Vito Galatolo, sarebbe stato ucciso per un’offesa fatta nei confronti di Tommaso Lo Presti: “Forse, Di Giacomo gli aveva dato uno schiaffo a Lo Presti, o gli ha detto qualcosa”.

Lo Presti era da poco tornato in libertà e voleva riprendere tutto il potere nelle sue mani con una guerra di mafia bloccata in tempo dai carabinieri. Il delitto di Giuseppe Di Giacomo è dunque probabilmente avvenuto per una lotta al potere. L’omicidio è stato studiato a tavolino ed ancora oggi non c’è un colpevole: chi lo ha ucciso conosceva bene il quartiere tanto da riuscire a non farsi immortalare da nessuna telecamera.

Lascia un commento

Back to Top