HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOmicidio Giuseppe Nirta: arrestato l’assassino che lo uccise a bastonate

Omicidio Giuseppe Nirta: arrestato l’assassino che lo uccise a bastonate

di

Giuseppe Nirta, 55enne originario di Locri, è stato colpito a bastonate il 10 agosto del 2014 per questioni economiche. A distanza di quasi un anno è stato finalmente arrestato il suo assassino

Giuseppe NirtaUna banale lite per la spartizione di alcuni soldi guadagnati da una ristrutturazione di un appartamento è stata la causa che ha scatenato l’omicidio di Giuseppe Nirta. Dopo un anno di indagini i carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Frascati sono arrivati all’assassino del 55enne che la sera del 10 agosto 2014 è stato aggredito con un bastone mentre faceva rientro a casa. Troppe sono state le ferite riportate dall’uomo, tra cui la rottura della scatola cranica, che dopo due settimane di agonia lo hanno purtroppo portato al decesso.

Ad ucciderlo è stato un operaio tunisino di 45 anni che è stato individuato dagli esperti solo ora a causa dell’assenza di testimoni oculari che avrebbero potuto invece fornire informazioni utili alle indagini.

E’ proprio grazie alle minuziose indagini che gli investigatori hanno scoperto che Giuseppe Nirta negli ultimi giorni in vita aveva ripetutamente litigato con il suo assassino che molto probabilmente ha già di suo un carattere molto impulsivo.

Il tunisino dopo un anno dall’omicidio di Giuseppe Nirta non è riuscito a farla franca ed è stato trovato dagli investigatori in un casa popolare. Nei prossimi giorni sarà inoltre sottoposto ad un interrogatorio.

Secondo quanto comunicato da Romatoday.it, l’asassino sarà accusato di omicidio premeditato e aggravato poichè quest’ultimo “si appostava sotto l’abitazione di Nirta Giuseppe e all’arrivo della vittima lo colpiva al capo con un corpo contundente cagionandogli ferite lacero contuse localizzate in sede frontale e la frattura pluriframmentaria della teca cranica, da cui derivava la morte, con l’aggravante dell’aver agito con premeditazione, mosso da futili motivi ed approfittando dell’orario notturno”.

Ciò che conta è che gli esperti sono riusciti a far luce su questo ennesimo fatto di cronaca che è rimasto nel mistero per quasi un anno.

Lascia un commento

Back to Top