HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOmicidio Loris, dopo la condanna Veronica Panarello ha pianto: “Sono innocente”

Omicidio Loris, dopo la condanna Veronica Panarello ha pianto: “Sono innocente”

di

loris stivalE’ stata confermata ieri la condanna per Veronica Panarello, la quale dovrà scontare 30 anni di carcere per l’omicidio del figlio Loris. Ecco la sua reazione

Per il Gup di Ragusa, quel maledetto 28 novembre del 2014 il piccolo Loris venne ucciso solo ed esclusivamente dalla madre. Le sue parole sono rimbombate nella ormai silenziosa aula dove si è tenuto il processo e dove è stata annunciata la condanna in cui la Panarello è stata dichiarata colpevole di omicidio e di occultamento di cadavere.

Veronica, incredula, ha ascoltato ogni parola del Gup per poi finire in un fiume di lacrime: “Veronica Panarello – ha commentato il suo avvocato Francesco Villardita – ha pianto e continua a piangere: non accetta questa sentenza perché non si ritiene colpevole. Ha reagito malissimo. Considera sommamente ingiusta questa sentenza”.

“Non ci aspettavamo una sentenza così dura. Faremo appello perché non la riteniamo giusta né in punto di fatto né in punto di diritto. Dobbiamo aspettare le motivazioni per capire qual è stato il percorso logico e giuridico che ha seguito il giudice per arrivare a una condanna”.

“Il giudice – ha spiegato Villardita – ha escluso la premeditazione e le sevizie, ma poteva concedere almeno le attenuanti generiche in considerazione del rapporto madre-figlio. Noi non siamo abituati a criticare le sentenze”.

A parlare è stato anche Daniele Scorfani, legale di Davide Stival, marito di Veronica: “Non è una vittoria di nessuno. Quando succede una tragedia così grande nessuno può dire ho vinto un processo o l’ho perso. È la sentenza che ci aspettavamo, una sentenza corretta. Davide era molto provato ed è stato per lui, e per coloro che erano presenti in aula, un momento di grandissima emozione: siamo abituati a governare sentimenti, ma è stato un momento forte”.

Subito dopo la condanna, Davide Stival ha spiegato i motivi che lo hanno portato a chiedere la separazione dalla moglie: “Come si può stare ancora insieme? Ha detto cose a cui non ho mai creduto. Io ho perso un figlio, il lavoro, la nostra vita è andata a rotoli“.

Fonte: Quotidiano.net

Lascia un commento

Back to Top