HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOmicidi in FamigliaOmicidio Loris – per Veronica Panarello al via oggi il processo a Ragusa
Veronica Panarello

Omicidio Loris – per Veronica Panarello al via oggi il processo a Ragusa

di

Veronica Panarello, accusata di aver ucciso il figlio Loris, di 8 anni, strangolandolo nella loro casa di Santa Croce Camerina, il 29 novembre del 2014, è comparsa oggi in aula a Ragusa, davanti al gup Andrea Reale, nel corso della prima udienza del processo.

Veronica PanarelloA confronto in aula la difesa e l’accusa, entrambe le parti si appellano alle rispettive convinzioni supportate dalla consulenza di esperti e che hanno analizzato l’esito delle perizie alle quali la donna è stata sottoposta; una vera battaglia sul punto che è la sottile linea di demarcazione del dibattimento, ovvero se l’accusata sia stata al momento del delitto capace di intendere e di volere, oppure no. I periti nominati dell’avvocato Francesco Villardita, che difende l’imputata, non sono convinti del risultato delle perizie.

Francesco Villardita avvocato difensore della Panarello ha dichiarato:  “Sarà una semi battaglia abbiamo diversi dubbi sulla perizia della capacità di intendere e volere. I nostri consulenti danno una valutazione diversa su quella dei periti, A Veronica è stato comunicato l’esito ma non ha avuto alcuna reazione, ne ha preso atto. L’ho trovata migliorata sul piano fisico e oggi è presente in aula per seguire il processo. Ha annunciato l’intenzione di fare dichiarazioni spontanee per raccontare la sua verità, ma non credo che lo farà oggi”.

L’accusa invece ha reso note le conclusioni della psicologa Maria Costanzo, uno dei due consulenti nominati dall’avvocato Daniele Scrofani, parte civile nel processo a Veronica Panarello, a nome di Davide Stival il marito; la perizia dice: “un legame madre-figlio emotivamente distorto, ed è probabilmente di natura psicologica, il movente del delitto di Loris Stival; Veronica  non era genitore per suo figlio, lui era per lei era un’amico”. Mentre lo psichiatra Giuseppe Catalfo, secondo consulente dell’accusa ha dichiarato: “ci sono contraddizioni che non sussistono nel campo dello psicopatologia”

Fonte foto: Facebook

Lascia un commento

Back to Top