HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOmicidio Luca Varani, Prato accusa ancora Foffo: “Ha fatto tutto lui”

Omicidio Luca Varani, Prato accusa ancora Foffo: “Ha fatto tutto lui”

di

Marco Prato è rinchiuso nel carcere di Regina Coeli perchè accusato insieme a Manuel Foffo dell’omicidio volontario di Luca Varani, aggravato dalla premeditazione, dalla crudeltà e dai motivi abietti e futili

Marco Prato durante l’ultimo interrogatorio si è difeso dall’accusa di omicidio, dando tutta la colpa a Manuel Foffo: “Io non ho ucciso Luca. Non sono stato io a colpirlo con il martello e con i coltelli. Ha fatto tutto Manuel, che non ho avuto il coraggio di fermare. Lo amavo ed ero succube della sua personalità”.

Ma non solo: “Io non ho potuto impedire a Manuel di fare quello che ha fatto, perché ero anche stordito dalla droga e dall’alcol assunti in grande quantità in quei giorni. Il suo è stato un raptus violento e io sono rimasto bloccato. Avevo contattato Varani, perché con Manuel avevamo deciso di mettere in atto un gioco erotico a tre e una violenza sessuale, e Luca aveva accettato l’invito. E’ stato Foffo, poi, a somministrare a Luca l’Alcover in un cocktail. Lo voleva stordire, ce l’ha messo lui nella tazza che io poi ho dato a Luca. E dopo lo ha aggredito in modo violento. Io non ho reagito, perché ho avuto paura anche per la mia incolumità. Manuel si è comportato in maniera assurda”.

Perchè allora, sul martello e su un paio di coltelli utilizzati per uccidere e torturare Luca Varani ci sarebbe il dna di Prato? “Non ho usato quelle armi – dice Marco – Foffo mi aveva imposto di pulirle per togliere le tracce di sangue. Io non l’ho fatto, ma è probabile che le abbia spostate e, quindi, toccate”.

Secondo quanto raccontato da Prato, Foffo avrebbe voluto sbarazzarsi del cadavere: “Mi aveva chiesto di comprare una pala in un negozio, avrebbe voluto portare il corpo di Varani al Circeo e seppellirlo in una buca da scavare nel parco, lontano da occhi indiscreti”.

“Sono dispiaciuto per quello che è successo – conclude Marco Prato – non mi do pace perché non sono riuscito a riportare Luca sano e salvo a casa sua“.

Da: Repubblica.it

Lascia un commento

Back to Top