HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Cold CaseDelitti ItalianiOmicidio Maria Josè Oilvastri: dopo 15 anni scagionato l’unico indagato

Omicidio Maria Josè Oilvastri: dopo 15 anni scagionato l’unico indagato

di

Maria Josè Olivastri è stata strangolata l’8 agosto del 2001. Il suo corpo esanime fu trovato in un canale. L’unico indagato è stato scagionato, il caso sta per esse archiviato per la terza volta.

maria josè olivastriEra l’8 agosto del 2001, in quel giorno venne trovato un cadavere a Due Carrare. Si trattava di Maria Josè Olivastri, una bella 42enne. Purtroppo dopo ben 15 anni il caso sta per essere archiviato per la terza volta, l’uomo iscritto nel registro degli indagati sarà prosciolto, in quanto il lenzuolo trovato in suo possesso e che somigliava a quello usato per avvolegere il corpo della vittima è simile, ma non identito. La scientifica, dopo aver analizzato i reperti ha escluso che l’uomo potesse essere l’assassino di Maria Josè Olivastri.

Del caso ne aveva parlato anche la trasmissione “Chi l’ha visto?” che aveva dato un nuovo impulso alle indagini. Erano state disposte una serie di perquizioni ed erano state ascoltate delle persone come testimoni, il fanghino che sta per essere scagionato, per un periodo era stato intercettato, per cercare di ricostruire il puzzle del cold case di Maria Josè Olivastri.

Il giorno in cui è stata uccisa, Maria Josè Olivastri aveva accompagnato il suo amico a Montegrotto, poi era partita alla ricerca di un lavoro come massaggiatrice. Quella mattina però si sono perse le sue tracce e lo stesso amico che la aspettava davanti all’hotel per le 13, non l’hai mai vista arrivare. Gli investigatori hanno provato a seguire il percorso fatto da Maria Josè Olivastri, e una delle piste portava ad un uomo misterioso che l’ha strangolata e poi ha trasportato il suo cadavere in macchina prima di coprirlo con un lenzuolo e abbandonarlo. Pur essendo l’unica ipotesti credibile, non ha ancora portato da nessuna parte e l’assassino di Maria Josè Olivastri si aggira ancora indisturbato.

Fonte: Padova Oggi

Lascia un commento

Back to Top