HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOmicidio Mario Pegoretti: presi gli assassini
mario pegoretti

Omicidio Mario Pegoretti: presi gli assassini

di

Mario Pegoretti, il parrucchiere 61enne trovato privo di vita a Pineta Sacchetti, è stato ucciso da due giovani romeni di 21 e 18 anni. L’uomo era stato derubato di un orologio e dei contanti e a quanto pare è stato proprio l’oggetto appartenuto all’uomo ad incastrare gli assassini.

mario pegorettiMario Pegoretti è stato ucciso con una grossa pietra. Magro il bottino dei suoi assalitori: un orologio e pochi contanti. Il parrucchiere originario di Merano, ma romano d’adozione è stato trovato nei pressi del Parco di Pineta Sacchetti lo scorso 26 Aprile. Ieri mattina sono stati fermati il 21enne Vlad Florin Liviu Axente e il 18enne Theodor Eduard Brehuescu, due gigolò romeni sospettati di aver ucciso Pegoretti. Il pm ha convalidato il fermo e i due assassini sono stati condotti presso il carcere di Regina Coeli.

Sin dall’inizio è apparso chiaro agli investigatori che l’omicidio di Mario Pegoretti fosse collegato al giro di prostituzione gay dei frequentatori abituali di Pineta Sacchetti. La sera del 25 Aprile, il parrucchiere disse ai suoi coinquilini che sarebbe andato al cinema, invece raggiunse il Parco. Qui incontrò i due gigolò. Secondo gli investigatori si trattava di un incontro occasionale. La ricostruzione precisa dei fatti potrà essere fatta solo dopo l’autopsia disposta dal pm. In particolare si dovrà stabilire se l’aggressione sia avvenuta dopo aver consumato un rapporto omosessuale per verificare se si tratta di omicidio premeditato.

L’unica certezza è che i ragazzi si sono accaniti con una violenza inaudita. Prima hanno preso a calci nel petto Mario Pegoretti, poi l’hanno sfigurato con una pietra. Nonostante abbia cercato di difendersi l’uomo non è riuscito a sfuggire alla morte. Sul collo sono presenti anche dei segni di strangolamento. Dopo l’omicidio i due complici si sono allontanati velocemente ma un testimone li ha visti mentre si lavavano in una fontanella.

Pare che uno dei killer di Pegoretti sia stato già arrestato per una rapina ai danni di un cliente avvenuta proprio nei pressi del Parco. Nonostante abbia negato l’omicidio fornendo degli alibi è stato messo alle strette dagli inquirenti. Alla fine ha ceduto e ha parlato di un complice che aveva al polso l’orologio sottratto al parrucchiere. Durante la perquisizione nella sua abitazione sono stati trovati anche dei vestiti sporchi di sangue. A quel punto non ci sono stati più dubbi.

Lascia un commento

Back to Top