HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOmicidio Melania Rea, confermato lo sconto di pena per Parolisi

Omicidio Melania Rea, confermato lo sconto di pena per Parolisi

di

melania reaSalvatore Parolisi, marito di Melania Rea accusato di aver ucciso la donna con oltre 30 fatali coltellate, è stato condannato a 20 anni di reclusione piuttosto che 30 ottenendo così uno sconto di pena di ben 10 anni

La Corte d’Assise d’Appello di Perugia ha riformulato la condanna che dovrà scontare l’ex caporal maggiore Salvatore Parolisi, unico imputato per l’omicidio della giovane moglie Melania Rea avvenuto quel maledetto 18 aprile del 2011.

Il 26 ottobre del 2012 l’ex militare venne condannato dal Tribunale di Perugia all’ergastolo ma nelle ultime ore è stato confermato che la pena che dovrà scontare sarà soltanto di 20 anni poichè lo scorso 10 febbraio la suprema corte ha annullato l’aggravante della crudeltà pur confermando la colpevolezza dell’uomo il quale non avrebbe premeditato in alcun modo di uccidere la moglie.

Parolisi, secondo quanto scritto nelle pagine in cui è stata motivata la scelta di annullare l’aggravante, venne accecato da una “esplosione di ira ricollegabile a un litigio tra i due coniugi le cui ragioni fondanti si apprezzano nella conclamata infedeltà coniugale del Parolisi”.

La difesa dell’ex caporal maggiore durante l’ultima udienza ha inoltre tentato invano di poter ottenere un doppio sconto puntando tutto sul riconoscimento delle attenuanti generiche che non sono state concesse dal sostituto procuratore generale. Secondo i legali però gli elementi a favore di Salvatore Parolisi, che durante l’udienza non era presente in aula, c’erano poichè quest’ultimo è “giovane, incensurato e militare irreprensibile”.

Dopo cinque anni dal delitto Melania Rea ha finalmente avuto giustizia, forse non quella che meritava, ma tutto ciò sembrerebbe essere almeno un piccolo traguardo: “Melania ha avuto giustizia, ma purtroppo nessuno ce la ridarà. . hanno dichiarato i familiari – E’ duro ricominciare, ma lo faremo con la consapevolezza che l’assassino resterà per un po’ di anni in carcere. Potremo ricominciare, anche se lo dico tra virgolette, una nuova vita”.

Lascia un commento

Back to Top