HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsIl boss Giuseppe Setola collabora con la giustizia: “Karol Wojtyla mi è venuto in sogno”

Il boss Giuseppe Setola collabora con la giustizia: “Karol Wojtyla mi è venuto in sogno”

di

Il boss Giuseppe Setola collabora con la giustizia, a poco più di sei anni di distanza dall’omicidio a Castel Volturno di Domenico Noviello, . La decisione sarebbe imputabile a un sogno in cui Setola avrebbe visto in sogno Karol Wojtyła, ovvero Papa Giovanni Paolo II

giuseppe-setolaIl neopentito, che comanda la componente stragista del clan dei Casalesi, è stato interrogato nella giornata di sabato 11 ottobre presso la casa di detenzione milanese di Opera nella quale è recluso per scontare la sua condanna al carcere a vita. Sebbene la Procura nutra molteplici perplessità sull’autenticità del pentimento del componente dei Casalesi e sulle eventuali secondarie motivazioni che potrebbe avere Setola, ha comunque deciso di ascoltare il boss artefice del delitto  di Noviello tramite le domande del pubblico ministero Alessandro Milita.

Giuseppe Setola. per la prima volta nelle vesti non solo di colpevole di omicidio ma anche di testimone, ha risposto a tutte le domande e il verbale della sua testimonianza è stato depositato stamattina nel corso del processo per l’omicidio di Domenico Noviello.

Tra le numerose dichiarazioni, Setola avrebbe affermato non solo di aver sognato il pontefice ma anche di aver festeggiato la morte di Noviello brindando “Brindammo a champagne dopo l’omicidio Noviello. Ho commesso centinaia di estorsioni senza che nessuno denunciasse. Ci vedevo benissimo sparavo, come un pazzo. Potrei scrivere un libro, il Simulatore”. Confessando, infine, il suo rammarico “Ora chiedo scusa a Noviello, ucciso perché aveva denunciato. Ma chi denuncia è una persona perbene.”

Lascia un commento

Back to Top