HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidio Raffaele Canfora: 5 arresti

Omicidio Raffaele Canfora: 5 arresti

di

I presunti assassini di Raffaele Canfora, sono stati incastrati da un video. Il 25enne di Ercolano è stato ucciso a marzo nel rione Conocal del quartiere Ponticelli di Napoli. L’omicidio è avvenuto per alcuni attriti tra i gruppi camorristici che controllano lo spaccio di droga. Canfora è stato tradito proprio dai suoi amici.

carabinieri2Svolta nelle indagini per l’omicidio di Raffaele Canfora, il 25enne di Ercolano assassinato il 18 marzo del 2015. I carabinieri hanno emesso 5 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei presunti responsabili ritenuti mandanti ed esecutori dell’agguato a Canfora. Uno dei soggetti fermati è ancora minorenne.

Raffaele Canfora non poteva immaginare il piano criminale dei suoi “amici”. Li prelevò dal rione Conocal, alla periferia di Napoli, e si spostarono ad Ercolano dove avvenne l’omicidio. Successivamente il corpo del giovane venne nascosto nelle campagne della località Valle di Maddaloni, nel casertano. Nei confronti dei 5 indagati pendono varie accuse, aggravate dalle finalità mafiose: omicidio, detenzione e porto abusivo di armi, distruzione e soppressione di cadavere, danneggiamento, incendio, favoreggiamento. Per l’identificazione dei responsabili i carabinieri hanno analizzato le immagini riprese da un impianto di videosorveglianza della zona in cui si vede l’auto di Raffaele Canfora. Il movente dell’omicidio è legato al controllo del traffico di droga nell’area est di Napoli.

La scomparsa del ragazzo era stata denunciata dalla famiglia e gli investigatori si erano concentrati sulla pista della lupara bianca. Nel mese di ottobre del 2014, Raffaele Canfora era stato fermato con 63mila euro in contanti, probabilmente provenienti dal traffico di droga. Questo sospetto non ha mai trovato riscontro.

Per trovare Raffaele erano state organizzate delle ronde da amici e parenti, ma la pozza di sangue in Via Patacca, aveva fatto subito temere il peggio. L’omicidio si è consumato proprio lì. Probabilmente la vittima è stata prima picchiata e poi sono stati esplosi dei colpi di arma da fuoco. A quel punto Canfora sarebbe stato caricato in macchina e poi trasportato nel luogo in cui è stato ritrovato.

Lascia un commento

Back to Top