HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidio Raffaella Presta. Il racconto choc dell’amica: “Il marito l’aveva più volte picchiata”

Omicidio Raffaella Presta. Il racconto choc dell’amica: “Il marito l’aveva più volte picchiata”

di

carabinieri2Raffaella Presta è stata uccisa ieri nel primo pomeriggio dal marito. A svelare alcuni segreti sui coniugi è stata un’amica della vittima

Francesco Rosi, il marito assassino di Raffaella Presta, era morbosamente ossessionato dal pensiero che la moglie potesse tradirlo. E’ proprio per questo motivo che, racconta un’amica della vittima, aveva addirittura deciso di assumere un investigatore privato per farla seguire e avere la conferma, o meno, dell’esistenza di un eventuale amante.

Sarebbe stata proprio la sua troppa possessione e gelosia a dare vita all’omicidio di ieri che ha sconvolto tutta Perugia e non solo. Francesco Rosi dopo l’ennesimo litigio con la moglie, avrebbe imbracciato il suo fucile da caccia e sparato uno o due colpi diretti alla donna.

Non era la prima volta che Rosi “puniva” Raffaella Presta. Secondo quanto pubblicato dal sito Umbria24.it, già in passato l’uomo l’aveva picchiata: “Lui le ha rotto un timpano – racconta l’amica di Raffaella – E’ successo nel giugno scorso, non era la prima volta, ma sicuramente fu la più grave. Raffaella non si fece neanche vedere in ospedale, l’avevano convinta a non andarci perché la famiglia del marito era molto conosciuta. Una volta mi sono anche arrabbiata con lei, l’ho costretta a dirmi cosa stesse accadendo. Quando ci fu l’episodio del timpano rotto le ho consigliato tanto di denunciarlo, ma lei era tenace e forte, molto riservata anche e ha deciso di fare di testa sua. E anzi, dopo quell’aggressione, per compiacere Francesco decise di non andare neanche più a lavorare. Perché lui non voleva”.

Raffaella Presta aveva smesso quindi di lavorare per il volere del marito e per stare accanto al loro bimbo di sei anni che da ieri non ha più una mamma e nemmeno un papà. I coniugi litigavano spesso, a sentirle le continue discussioni erano i vicini di casa, che mai si sarebbero aspettati una simile tragedia.

Lascia un commento

Back to Top