HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Cold CaseOmicidio Roberto Diamante: trovata l’auto dell’imbianchino, era parcheggiata in una stazione di servizio

Omicidio Roberto Diamante: trovata l’auto dell’imbianchino, era parcheggiata in una stazione di servizio

di

Roberto Diamante si era allontanato da casa il 12 giugno, solo due giorni dopo il suo cadavere è stato rinvenuto in fondo ad un canale, a Calice Cornoviglio. Quello che all’apparenza era un suicidio si è rivelato ben presto un omicidio. Intanto la sua auto, una panda blu, è stata trovata parcheggiata in una stazione di servizio a circa 30 km dal luogo del ritrovamento.

roberto diamante_2Roberto Diamante aveva 57 anni, faceva l’imbianchino e viveva insieme ai fratelli che non hanno mai creduto all’ipotesi del suicidio, tanto da rivolgersi alla trasmissione “Chi l’ha visto?”. Grazie alla segnalazione del programma, uno spettatore ha indicato il punto in cui si trovava l’auto dell’uomo, una panda blu. Era parcheggiata nei pressi di una stazione di servizio da più di 4 mesi e i gestori, pur avendo avvertito le autorità della presenza del mezzo, non hanno mai visto nessuno. A questo punto i dubbi della famiglia si alimentano, inoltre vi sono alcuni particolari rilevanti come i sedili posteriori reclinati e l’assenza delle chiavi. Forse Roberto Diamante è stato trasportato nel canale già privo di vita proprio in quell’auto, ma saranno le indagini a stabilire con certezza quando accaduto.

Appare incerto infatti che Roberto Diamante possa aver percorso circa 30 km a piedi, in una zona non adatta alle passeggiate, e decidere poi di gettarsi dal ponte. I familiari hanno già chiesto l’esame istologico sul cadavere dell’imbianchino che è apparso sereno l’ultima volta che l’hanno visto. La domanda che tutti si fanno è: «Perché Roberto Diamante si trovava in quel luogo desolato?». Forse c’era qualcuno con lui. Oltre alla pista dell’omicidio, quella battuta dai carabinieri è l’omissione di soccorso. L’omicidio a scopo di rapina è escluso in quanto la vittima aveva in tasca una discreta somma di denaro.

L’ultima volta che Roberto Diamante è stato visto era il 13 giugno, intorno alle 23.30 su Via Roma a Carrara. La sorella, a cui era molto legato, ha mostrato la foto di Roberto Diamante in giro ma nessuno lo ha mai visto. Anche le foto della panda blu, con il numero di targa erano state affisse in molte zone della Val di Vara, ma non era arrivata nessuna chiamata. Roberto Diamante era un uomo di sani principi, un gran lavoratore, ma la sua morte resta ancora avvolta nel mistero.

Fonte: Il Tirreno

Lascia un commento

Back to Top