HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOmicidi in FamigliaOmicidio Sarah Scazzi: chiesto il processo per Ivano Russo – “mentì per coprire Sabrina”

Omicidio Sarah Scazzi: chiesto il processo per Ivano Russo – “mentì per coprire Sabrina”

di

Per l’omicidio di Sarah Scazzi, la ragazzina di Avetrana uccisa il 26 agosto del 2010 si apre un nuovo capitolo nell’ambito dell’inchiesta bis.

Ivano-Russo-indagato-_Delitti.net

Ivano Russo

Infatti il 1° di giugno si terrà l’udienza preliminare per valutare il  possibile rinvio a giudizio per Ivano Russo, oltre al ragazzo, sempre indicato come un “amico” di Sarah sono indagate anche altre undici persone, tra le quali figura anche Michele Misseri, zio di Sarah, accusato di autocalunnia.

La nuova svolta e il rinnovo delle indagini si basa sulla convinzione del  pm del Tribunale di Taranto che Ivano Russo avrebbe mentito nel corso delle indagini nel processo di primo grado; il ragazzo lo avrebbe fatto allo scopo di coprire Sabrina Misseri, la cugina della ragazzina uccisa; che è stata condannata all’ergastolo per l’omicidio, stessa sentenza per sua madre Cosima Serrano.

Ivano Russo è accusato di “false informazioni al pubblico ministero e falsa testimonianza davanti alla corte d’assise”.  Secondo la Magistratura, Russo avrebbe fatto dichiarazioni che minimizzavano il suo rapporto amoroso con Sabrina e avrebbe ridimensionato nei suoi racconti l’intreccio sentimentale che manteneva con entrambe le ragazze. Questo intreccio a detta della Magistratura è alla base delle gelosie e dei rancori dai quali è poi scaturito l’omicidio di Sarah, vista da Sabrina come una “rivale”.

Sul banco degli imputati potrebbero finire anche Elena Baldari, la madre di Ivano, , il fratello Claudio e l’ex fidanzata Antonietta Genovino, che mentirono dichiarando agli inquirenti, che nell’ora in cui Sarah veniva uccisa Ivano Russo  era in casa, precisamente “a letto per tutto il pomeriggio”.

Lascia un commento

Back to Top