HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOmicidio Sarah Scazzi: “E’ paradossale che un reo confesso sia libero”

Omicidio Sarah Scazzi: “E’ paradossale che un reo confesso sia libero”

di

Continua l’udienza del processo d’appello per l’omicidio di Sarah Scazzi, la giovane di Avetrana tristemente conosciuta per il suo atroce delitto avvenuto quel maledetto 26 agosto del 2010 ad Avetrana

scazziDopo la reazione di Sabrina Misseri e delle sue lacrime e dopo le parole di rassegnazione di Cosima Serrano, madre di Sabrina e zia di Sarah Scazzi, ecco che arrivano alcune dichiarazioni di Franco Coppi, legale di Sabrina Misseri la quale è stata condannata all’ergastolo insieme alla madre.

L’arringa di Franco Coppi si è basata sui diversi punti riguardanti le motivazioni d’appello che non sarebbero state considerate o replicate dal procuratore generale. Per Coppi non ci sono dubbi perchè ad uccidere Sarah Scazzi è stato lo zio Michele il quale all’epoca aveva già confessato di essere l’autore del delitto. Quest’ultimo avrebbe poi accusato la figlia “per evitarsi un ergastolo” anche se “la sua prima confessione è genuina, voleva essere scoperto, ha fatto di tutto per attirare i sospetti degli investigatori su di se, lasciando il cellulare di Sarah in giro per Avetrana”.

Inoltre, sempre secondo il legale, Michele Misseri qualche giorno prima dell’efferato delitto avrebbe molestato la nipotina palpeggiandole il sedere. L’omicidio sarebbe poi avvenuto mezz’ora dopo l’orario indicato dalla sentenza: “Sarah era ancora viva intorno alle 14.30, quando manda uno squillo alla cugina Sabrina. Poi scende nel garage e trova la morte per mano dello zio Michele ed il movente è sessuale”.

Insomma, Coppi continua a ritenere innocenti Sabrina e Cosima e colpevole Michele: “E’ paradossale che un reo confesso sia libero. Le indagini sono cominciate gia’ col pregiudizio nei confronti di Sabrina”.

A sostenere cose ben diverse è invece l’accusa che ritiene che Sarah Scazzi sia stata strangolata in casa Misseri da Cosima e Sabrina perchè quest’ultima si era invaghita dell’amico comune Ivano Russo il quale piaceva anche alla giovane vittima.

La prossima udienza è stata fissato per venerdì.

Lascia un commento

Back to Top